in

“Correlazione con alterazioni genetiche stabili”. Il commento di Frajese sulla scoperta della nota Università americana

Pubblicato il 12/09/2022 20:03

“I sieri provocano alterazioni genetiche stabili”. Questo è stato l’esplosivo titolo di un pezzo uscito di recente sulle pagine de La Verità. L’articolo riprende i dati divulgati da uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Plos Pathogens ed effettuato da un team di ricercatori della Thomas Jefferson University di Philadelphia. Secondo gli scienziati, i sieri anti-Covid “sarebbero la causa di cambiamenti immunologici che possono essere trasmessi alla prole“. Dichiarazioni che, se confermate, accenderebbero sicuramente un nuovo riflettore sulla già fallace affidabilità dei sieri.
(Continua a leggere dopo la foto)

I risultati dello studio

Nella fattispecie, la “prole” sarebbe quella di diverse centinaia di topi da laboratorio, i quali sono stati esposti alle nanoparticelle lipidiche sintetiche. Le stesse che nei vaccini mRna hanno la funzione di incapsulare proteina spike e acido ribonucleico per incentivarne l’entrata nella cellula. Da quanto si legge sull’articolo, dopo l’inoculazione c’è stata “l’inibizione a lungo termine delle risposte immunitarie adattive“, ovvero la capacità dell’organismo di reagire al contatto con microrganismi patogeni. Ma non solo, perché si è registrata anche la trasmissione genetica nella deregolazione delle risposte immunitarie della prole.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il commento di Giovanni Frajese

“Sia i topi maschi, sia i topi femmine svolgono un ruolo importante in questa trasmissione: l’esposizione alle particelle lipidiche sintetiche, di per sé altamente infiammatoria, ha indotto un effetto a lungo termine sulla conta dei globuli bianchi“, scrivono gli studiosi con l’approvazione di Plos Pathogens. Intervistato da Fabio Duranti nel corso del suo noto programma su Radio Radio, il prof. Giovanni Frajese, attualmente candidato tra le file del partito condotto da Gianluigi Paragone, Italexit, si è così espresso sulla questione: “Questo studio era disponibile in pre-print da un po’ di tempo. La rivista che lo ha pubblicato è importante, non di basso livello. Il dato è un po’ più complesso di come viene presentato nei titoli, però come sapete ho sempre fatto una critica anche abbastanza feroce sulla metodologia che è stata utilizzata nello sdoganare questi prodotti”.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il prof. Frajese ha poi concluso il suo intervento spiegando: “Ho sempre avvertito sul fatto che non sono stati fatti gli studi di cancerogenicità e genotossicità. Dopo lo studio dell’Università di Lund effettuato su linee cellulari – questo invece riguarda topi – si tratta di un ulteriore indizio che va in quella direzione. Non è uno studio che si può ignorare, ma ne parleremo in maniera approfondita prossimamente, o non faremmo un buon servizio”.

Potrebbe interessarti anche: “Si è messa sotto la sua ala protettiva”. Paolo Mieli svela la vera strategia di Fratelli d’Italia. Gelo in studio

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Si è messa sotto la sua ala protettiva”. Paolo Mieli svela la vera strategia di Fratelli d’Italia. Gelo in studio

Vespa censura Italexit. Il conduttore cancella Paragone dal sorteggio per la serata di chiusura con i leader