Vai al contenuto

“Condizionatori, fuorilegge 8 su 10”. La stretta Ue costa caro alle famiglie: chi dovrà sostituirli

Pubblicato il 09/10/2023 12:30

Dopo le auto a benzina e diesel, ora è la volta dei condizionatori. L’Unione Europa, in nome dell’ennesima rivoluzione Green, ha infatti approvato una nuova normativa in materia F-gas, con conseguenze ben precise per i Paesi membri: dal 2027, all’interno dei territori del vecchio continente non potranno “essere venduti i condizionatori e pompe di calore che utilizzano i gas fluorurati, i cosiddetti F-gas appunto”. Non solo: “Entro il 2032 dovranno essere eliminati gli impianti più piccoli e, a partire dal 2035, quelli più grandi. L’obiettivo è arrivare gradualmente al 2050, anno in cui qualsiasi tipologia di consumo”. Facile immaginare quali saranno le conseguenze per le famiglie. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Migliaia di miliardi per comprare le case degli italiani. Cosa si nasconde davvero dietro la rivoluzione green dell’Europa

condizionatori chi dovrà sostituirli

Come spiegato dal Corriere della Sera, l’accordo è stato raggiunto in pochi minuti dal Parlamento e dal Consiglio Ue. Rispetto alla prima stesura delle norme, i tempi sono ora più distesi ma il risultato non cambia: si dovranno impiegare solo gas naturali. L’Unione ha infatti dichiarato guerra agli F-gas, gas sintetici che se dispersi rilasciano un elevato livello di emissioni. Alcuni esperti li hanno indicati come nemici dell’ambiente, essendo comunemente impiegati in condizionatori e pompe di calore presenti in ogni abitazione. (Continua a leggere dopo la fotO)

condizionatori chi dovrà sostituirli

Quella dei gas naturali sarà, in ogni caso, una soluzione temporanea, visto che il pacchetto di norme proposto dalla Commissione ha tra i suoi obiettivi l0elettrificazione dei sistemi di riscaldamento e refrigerazione. Una condizione che richiederà un uso massiccio di pompe di calore elettriche: alcune stime parlano di circa 30 milioni di impianti entro il 2030. Le istituzioni europee, comunque, prevedono di effettuare nel 2040 le valutazioni necessarie. (Continua a leggere dopo la foto)

condizionatori chi dovrà sostituirli

Se non ci saranno ripensamenti, insomma, a partire dal 2032 la maggior parte dei condizionatori presenti nelle case italiane saranno considerati “fuorilegge“. Con le famiglie costrette, ovviamente, ad acquistare di nuovi, in linea con le normative Ue. Una notizia che ha allarmato non pochi gli utenti: in tanti si chiedono come faranno le famiglie a sostenere tutte le spese che Bruxelles imporrà loro negli anni in nome della rivoluzione Green e che coinvolgeranno ogni aspetto della vita quotidiana.

Ti potrebbe interessare anche: “Put***”. Meloni posta il VIDEO choc dei manifestanti della Cgil: botta e risposta con Landini