Vai al contenuto

Catania, orribile violenza su ragazzina 13enne e sul fidanzato. Basta buonismo, chiediamo pene severe

Pubblicato il 04/02/2024 10:53 - Aggiornato il 04/02/2024 10:57

Iniziamo con il dire che di queste notizie, davvero, non ne possiamo più. E che la giustizia deve dare una risposta ferma e inequivocabile al dilagare di violenze davvero tremende. Che spesso vedono come vittime ragazzine innocenti. Non possiamo pensare che ciò che è successo qualche giorno fa a Catania, come troppo spesso succede, resterà impunito. I presunti autori del crimine, sette ragazzi di nazionalità egiziana di cui quattro maggiorenni e tre minorenni, sono stati arrestati dai Carabinieri. Su di loro gravano pesanti indizi. Se saranno giudicati colpevoli, le pene dovranno essere adeguate e senza sconti. Non è più tempo di buonismi o di distinguo, perché ciò che stiamo per raccontarvi fa troppo male. I criminali vanno fermati. A cominciare da chi, il 30 di gennaio intorno alle 19.30, ha preso di mira una coppia di fidanzatini catanesi. 17 anni lui, 13 lei. (continua dopo la foto)

potrebbe interessarti anche https://www.ilparagone.it/attualita/cavie-umane-che-cosa-facevano-di-nascosto-ai-pazienti-novartis-colpevole-quanto-paghera/

Non si trovavano in un vicolo malfamato, ma a Villa Bellini, in pieno centro. Questo fa già impressione. Perché i componenti di queste bande sempre più violente e spietate si sentono intoccabili. Credono di poter fare ciò che vogliono, ovunque. In questo caso, i sette secondo le ricostruzioni preliminari avrebbero circondato la coppia e cominciato a palpeggiare la ragazza. Poi, con la forza, avrebbero trascinato le loro vittime all’interno dei bagni pubblici. Una parte di loro avrebbe cominciato a picchiare e a tenere fermo il ragazzo. L’altra avrebbe spinto la ragazzina, poco più che una bambina, nei gabinetti. Lì, due di loro l’avrebbero violentata a turno mentre gli altri si accalcavano intorno per guardare. Il fidanzato sarebbe stato costretto ad assistere a quell’orrore. Solo al termine del secondo abuso la ragazza, benchè sotto choc e dolorante, sarebbe riuscita a divincolarsi e a fuggire insieme al ragazzo. (continua dopo la foto)

Via Etnea, nel centro di Catania

I due avrebbero raggiunto via Etnea, a quell’ora molto frequentata, riuscendo a chiedere aiuto e a mettersi in salvo. Sì, ma le ferite e le cicatrici di una violenza intollerabile restano. E resteranno a lungo. Ci vorrà tempo, coraggio e l’aiuto di professionisti per riuscire a superare questo immenso dolore. Questa vicenda ne ricorda una simile, che aveva fatto molto scalpore, accaduta a Palermo. Dove una ragazza sola era stata aggredita e violentata da un branco di uomini indegni. E notizie di episodi di violenza gratuita, senza freni, ai danni di ragazzi e ragazze inermi, giungono sempre più spesso da molte città d’Italia. Spesso nascosti dall’omertà e dal silenzio. Ma quel silenzio, quell’omertà non li possiamo più sopportare. E’ ora di dare una risposta e di far capire ai violenti che pagheranno per i loro crimini.

potrebbe interessarti anche https://www.ilparagone.it/attualita/belpietro-vogliono-spazzare-via-loccidente-la-denuncia-del-direttore-de-la-verita-cosa-ha-detto/