in

“Bisogna raccontare la verità agli italiani sul gas”. Paragone senza freni sul caro energia

Pubblicato il 07/09/2022 17:38

Il tema più caldo del momento è certamente quello relativo al caro bollette ed al prezzo del gas. La stagione fredda è alle porte e già si prospetta un inverno durissimo, costringerà molti italiani a stringere ancor di più la cinghia. Mentre i partiti di sistema si prodigano nell’invocare un inutilissimo e dannosissimo tetto europeo al costo dell’energia, c’è invece chi ritiene che affidarsi all’Unione Europea sia un clamoroso errore. Intervistato in diretta da Fabio Duranti su Radio Radio, Gianluigi Paragone ha esposto una sua idea, basata sull’esperienza. Un’esperienza derivata dallo stretto contatto avuto con i lavoratori, con le famiglie, con le persone “normali” durante gli ultimi mesi.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il rincaro delle materie prime

Il leader di Italexit ha toccato in primo luogo il nodo dell’aumento di prezzi generalizzato delle materie prime: “Ho fatto una diretta con un piccolo imprenditore dell’edilizia e mi raccontava che le materie prime hanno dei prezzi schizzati alle stelle: se il rifacimento di un bagno prima poteva arrivare a costare 5.000 euro, adesso va oltre i 7.500. Quindi, non tutte le persone riusciranno a fare dei lavori di rifacimento e ripiegheranno su piccoli interventi. Quindi, tu hai la materia prima che è a prezzi fuori controllo, le consegne delle materie prime (nonostante il tuo obbligo di pagare puntualmente) che non avviene in tempi certi e ora anche il tema dibattuto delle bollette“.
(Continua a leggere dopo la foto)

Imprenditoria a rischio

Successivamente, Paragone ha continuato il suo intervento esponendo i suoi dubbi per quanto riguarda il prossimo futuro dell’imprenditoria italiana: “Quello delle bollette è un tema che porta con sé diverse valutazioni. Se tu non sai l’ammontare della bolletta di mese in mese, il tuo bilancio (vuoi che sia familiare o da piccolo imprenditore) diventa aleatorio perché non sai quanta liquidità devi mettere da parte per pagare le bollette. Le bollette che stanno arrivando adesso, relative ad agosto, mediamente sono superiori del 20% a quelle – già care – di luglio. Settembre, se la curva rimane questa, avrà un ulteriore aggravamento dell’importo finale. Allora quanta liquidità deve avere un imprenditore per andare avanti? E soprattutto come può, alle condizioni attuali, chiedere al sistema bancario di dargli un po’ più di credito per pagare le bollette? Così è impossibile fare impresa. Da qui alla fine dell’anno molti cederanno perché non è obbligatorio fare l’imprenditore, non è una vocazione divina, quindi lo fai fintantoché ci stai dentro”.
(Continua a leggere dopo la foto)

Una questione di dignità

E ancora, il Segretario Nazionale di Italexit ha poi sottolineato come il caro bollette abbia delle enormi e pesantissime conseguenze anche sul tessuto sociale italiano: “Non è giusto vedere sempre più persone oggi fare la fila davanti alle mense della Caritas oppure che rovista in quello che avanza dai mercati o che chiede agli ambulanti se avanza un po’ di frutta e di verdura. E lì vedi proprio l’abbraccio solidale di questi ambulanti verso persone che si capisce che sono in difficoltà evidente. La situazione emergenziale ha spogliato i cittadini della dignità, e io credo non sia giusto. Non posso assistere a un dibattito sul caro energia dove il Governo (che ricordiamo essere operativo) non ha il coraggio di fare lo scostamento di bilancio per paura di creare deficit. Ma questo fanatismo dove porta? Se io ho paura di creare deficit per proteggere l’economia reale, vuol dire che l’economia reale salta. E cosa vuol dire far saltare l’economia reale? Vuol dire creare disoccupazione. Perché non dobbiamo prendere l’amministratore delegato di ENI, che è una partecipata dello Stato, per le orecchie e dirgli che se fa un utile di 7 miliardi è immorale e li deve rigirare immediatamente al popolo?”.
(Continua a leggere dopo la foto)

Basta con le menzogne di Stato

Infine, Gianluigi Paragone ha concluso il suo intervento in diretta smascherando le menzogne che il governo sta ancora tentando di far passare per buone: “Tu adesso devi raccontare la verità agli italiani sul gas, è inutile che ci giriamo intorno: noi non possiamo fare a meno del gas russo, basta con questa ipocrisia buonista. Prima o poi qualcuno ci deve arrivare a quel maledetto bivio, e allora o difendiamo gli italiani – che non hanno dichiarato guerra a nessuno e che non vogliono questa guerra – oppure andiamo avanti in un buonismo di maniera. A dicembre, quando tutte le bollette saranno arrivate a incidere nei bilanci dei cittadini, cosa tiriamo fuori, la bandiera dell’Ucraina? Andiamo avanti con questi simboli che poi diventano simboli impoveriti di significato?
(Continua a leggere dopo il video)

La guerra è tra USA e Russia

Chiudendo il suo ragionamento, il Senatore si lascia andare ad uno sfogo personale, spiegando come, secondo la visione sua e di Italexit, l’Italia non meriti di finire oltre l’orlo del baratro per via di un conflitto che fondamentalmente si svolge tra due superpotenze, USA e Russia. “Allora gioco la parte del cinico realista, però mi dispiace, non posso permettere che mi salti un sistema imprenditoriale ed economico. Non è che se l’Italia cambia posizione e decide di giocare un ruolo più terzo e da mediazione, diventa il problema del mondo. Io penso che questa guerra, di fatto, sia alimentata dall’interesse degli Stati Uniti d’America a fermare l’economia russa e lo strapotere russo: il disegno di Putin alla Casa Bianca dà fastidio, quindi questa guerra va avanti perché in maniera indiretta – anche se ormai è palese – gli Stati Uniti stanno alimentando i presupposti del conflitto. E noi siamo schiacciati”.

Potrebbe interessarti anche: “Sul gas non ci dicono la verità”. L’associazione dei consumatori all’attacco: “Ecco cosa ci nascondono”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Così le etichette europee penalizzano il made in Italy: un’altra truffa dell’Europa a danno dell’Italia

“I nostri cari trattati come rifiuti, vogliamo giustizia!” L’urlo del Comitato Nazionale Vittime del Covid