in

Bassetti e la quinta dose. Ecco ogni quanti mesi vuol farci vaccinare il tele-virologo

Nei giorni in cui tanti italiani stanno tornando in fila per l’ennesima inoculazione di farmaci anti-Covid, costretti dal governo che impedisce una vita normale a chi è sprovvisto del famigerato Green pass, la domanda ricorrente per tutti è la stessa: “Quante volte ancora dovremo rivivere questa scena nel corso del prossimo anno?”. Negli ultimi mesi, oltre 17 milioni di cittadini del Bel Paese hanno già ricevuto il cosiddetto “booster”, a distanza di cinque o sei mesi dalla seconda dose. Ma il 2022, stando alle previsioni, sarà l’ennesimo anno all’insegna dell’inoculazione.

Le previsioni di Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive all’ospedale Policlinico San Martino di Genova, lasciano infatti intuire come anche nel corso dei prossimi dodici mesi la parola “vaccino” sarà onnipresente. Intervistato da Il Giornale, il medico ha chiarito che per avere un’opinione definitiva serviranno i dati del nuovo ciclo di somministrazione. Aggiungendo però che sì, “ci sarà una quarta dose che potrebbe essere necessaria”.

“Se nel 2022 dovremo fare due dosi – ha spiegato Bassetti – una a distanza di sei mesi e un’altra a distanza dello stesso arco di tempo, lo vedremo. In ogni caso, le continue dosi servono per rafforzare il nostro sistema immunitario”. Il virologo ha anche invitato gli italiani a non stupirsi più di tanto di fronte all’idea di una campagna di vaccinazione eterna, senza sosta: “Se dovremo fare una dose ogni sei mesi la faremo se ci consentirà di vivere meglio la nostra vita, affrontare meglio questo virus e depotenziare il Covid rendendolo molto più simile all’influenza che non a quella bestia terribile che avevamo visto inizialmente. Io non ci trovo nulla di male: ciò che oggi sembra strano, tra sei mesi sembrerà tutto più certo”.

Gli hub vaccinali dovranno quindi “verosimilmente continuare a vaccinare per tutto il 2022, per consentire le quarte dosi o, eventualmente, anche di farne una quinta, in seguito”. A chi spera ancora che presto il Covid possa essere gestito come una normale influenza, che richiede una sola vaccinazione ogni anno, Bassetti ha replicato: “Forse ne serviranno almeno due ogni dodici mesi”.

Ti potrebbe interessare anche: “Invece di ossessionare i cittadini con Green pass e vaccini, Toti non potrebbe occuparsi della sanità?”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Disordine e fuga dalle responsabilità”. Tremonti durissimo con il governo: l’attacco in diretta

“Numeri sbagliati sui morti Covid: rettifichi”. Codacons, pronta la denuncia per Draghi