in

Autostrade: i Benetton intascano 5 miliardi di bonus, lo Stato si accolla i debiti

Archiviato il disastroso risultato portato a casa dal governo nella trattativa con i Benetton, vincitori assoluti del braccio di ferro con lo Stato per la cessione di Autostrade per l’Italia, non resta che chiudere per sempre nel cassetto i proclami del Movimento Cinque Stelle, quello che parlava di “revoca delle concessioni”, e passare piuttosto ai conti, amarissimi. Agli imprenditori trevigiani, travolti dalle polemiche all’indomani della tragedia del Ponte Morandi di Genova, andrà una dote ghiottissima, ben 5 miliardi di euro. E le sorprese, spiacevoli, non sono finite qui.

Autostrade: i Benetton intascano 5 miliardi di bonus, lo Stato si accolla i debiti

Mentre i Benetton usciranno di scena con il portafogli gonfio come non mai, non sarà altrettanto sorridente la situazione per Cassa Depositi e Prestiti, a capo della cordata che rivelerà le quote della famiglia che ha (mal)gestito per anni le nostre tratte. Lo Stato tornerà infatti in pista a un prezzo pari all’intera privatizzazione: 9,1 miliardi, quelli riconosciuti all’asset in uscita del gruppo Benetton. Inoltre, toccherà sempre allo Stato farsi carico del debito contratto dai privati per finanziare l’acquisizione.

Insomma: gli unici a guadagnarci davvero sono e restano i Benetton, che hanno già avuto ampiamente ripagati gli sforzi fatti per entrare, a loro tempo, nella gestione delle autostrade. Lo Stato italiano, invece, si trova oggi a fare un pesantissimo investimento economico per riappriopiarsi di qualcosa che era già suo e che, nel frattempo, è invecchiato malissimo: strade pericolanti, piani di manutenzione completamente da rivedere, minor personale a disposizione dopo i tagli.

A pagare saranno così, alla fine, sempre e solo gli italiani, quelli che regolarmente, attraversando l’Italia, si trovano a fare i conti con i pedaggi. Un obolo destinato ad aumentare per finanziare i nuovi investimenti, ora che i Benetton usciranno definitivamente di scena. Per un risultato che nessuno nel 2018, sull’onda dell’indignazione per il dramma di Genova, avrebbe mai immaginato così disastroso.

Ti potrebbe interessare anche: Bill Gates, “relazione sessuale con una dipendente”. Lo scoop del Wall Street Journal

Il governo progetta lo “scudo anti-hacker”: sarà affidato a Colao Meravigliao

“Geolocalizzare chi entra nei luoghi pubblici”. Crisanti, ovvero la via sanitaria allo Stato di polizia