Vai al contenuto

Chi sono gli abusivi “totali” con vista sul Colosseo, scoop di Fuori dal coro. E c’è anche un prete che… (i VIDEO)

Pubblicato il 05/10/2023 20:27

Immaginate di affacciarvi dalla vostra residenza romana e godervi la vista del monumento più celebre della città eterna, uno tra i più antichi, il Colosseo. Ecco, i comuni mortali possono solo immaginarlo, dati i prezzi al metro quadro nel cuore del centro storico di Roma. Eppure, c’è chi può affacciarsi e godersi lo scenario senza aver mai scucito un euro: lo ha scoperto Fuori dal Coro, che da circa un mese ha ripreso la programmazione e in ogni puntata regala nuovi spunti, purtroppo assai di rado di segno positivo. Il tema delle occupazioni abusive, troppo sottovalutato da altri, è una delle costanti delle inchieste della trasmissione condotta da Mario Giordano. Due gli episodi documentati. Il primo abusivo “totale” è stato individuato dalla giornalista Natasha Farinelli e vive, con la famiglia, nella casa dell’ex custode di una villa storica della capitale. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Gismondo asfalta vaccini e Nobel: “Inganni, presunzioni, l’assurdo Green pass e quel premio regalato” (VIDEO)

“I pro e i contro”

Intercettato dalla stessa giornalista e interrogato sul prestigio di questa sistemazione super-abusiva il signore di mezza età ha anche di che lamentarsi: “Ci sono i pro e i contro, signora, ci sono i cittadini che vengono a frequentare la villa che non sono tutti educati“. E ancora: “Noi siamo dentro e resteremo dentro”, una volta contattato telefonicamente. Solo uno dei tantissimi esempi di abusivismo totale, a Roma come praticamente in tutte le città italiane, grandi e piccole. Il secondo episodio riguarda l’abitazione con vista sul Colosseo, anch’essa occupata abusivamente, con cui abbiamo aperto l’articolo. “Quanto può pagare per vivere qui dentro?”, domanda Natasha Farinelli allo straniero che le va incontro al cancello. “Se tu me lo chiedi, io ti dico un euro“, dice l’uomo in un istante fugace prima di tornare a casa sua. Insomma, basta un po’ di iniziativa e tutti possono permettersi soluzioni abitative di un certo pregio. Inutile dire che il servizio, andato in onda ieri, ha scatenato la rabbia degli utenti dei social, come si può leggere su Il Tempo: “Gualtieri è troppo occupato nell’installazione delle telecamere per la nuova Ztl! Non può perdere tempo con queste caz***”; oppure “In questa ‘nazione’ ognuno può fare quello che vuole. Non c’è legge che venga fatta rispettare”. Tralasciamo altri commenti più scurrili. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Pfizer entra nelle scuole italiane. Il piano per “rieducare” i giovani è da brividi. Eccolo

Il sacerdote che “benedice” le occupazioni

Tale impunità non può non godere di appoggi esterni e così, sempre grazie a Fuori dal coro, conosciamo la figura di don Giusto Della Valle, che è un sacerdote, parroco di Rebbio in provincia di Como, ma è anche un “facilitatore”, per così dire, delle occupazioni abusive. Il suo invito a occupare le case comunali vuote è scritto nero su bianco, al punto 3 della proposta pubblicata sul giornalino della parrocchia. Lo riportiamo testualmente: “Come ultima opzione, se qualche famiglia avente diritto alla casa si trovasse messa in mezzo a una strada, propongo di passare in casa parrocchiale perché le si dia la lista degli appartamenti vuoti, affinché ciò che ingiustamente non viene dato venga occupato. Darò loro una mano a entrare”. (Continua a leggere dopo la foto)

abusivi totali vista colosseo
Don Giusto Della Valle

La sottovalutazione del problema

A questo punto, in genere, concludiamo con una riflessione, ma stavolta non lo reputiamo neppure necessario e i due video che abbiamo pubblicato, oltre al resoconto sin qui fatto, ci paiono essi stessi assai esplicativi di un fenomeno assolutamente deprecabile e sovente minimizzato, che spesso toglie un tetto ai legittimi proprietari. Proprietari che molto di rado riescono poi a rientrare in quella che, un tempo, era casa loro.

Potrebbe interessarti anche: “La polizia ci spia attraverso Google!” Scoppia lo scandalo. Ecco come funziona