in

“Vaccino, allarme sanitario nell’esercito”. La denuncia di tre medici Usa

Pubblicato il 29/01/2022 09:43

Non sono soltanto gli scienziati, in questi giorni, a interrogarsi sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini anti-Covid, quelli che il governo italiano ha reso di fatto obbligatori per tutti tramite il ricatto di Stato chiamato Green pass. Anche i militari americani, infatti, stanno ragionando sulla possibile correlazione tra i farmaci e l’aumento di malattie registrato nei soldati negli ultimi mesi. Un caso arrivato fino al Senato statunitense, dove l’avvocato Thomas Renz ha portato le testimonianze di tre dottori dell’esercito (Samuel Sigoloff, Peter Chambers e Theresa Long): gli episodi raccontati hanno contribuito a definire un quadro a dir poco allarmante.

Come spiegato da Alessandro Rico sulle pagine della Verità, i medici militari sono stati tutti concordi nel sottolineare l’aumento vertiginoso di malattie serie nei soldati rispetto agli anni precedenti. Gli aborti spontanei nelle donne, per esempio, “sono cresciuti del 30%” . In crescita anche le diagnosi di malattie autoimmuni, disordini cardiocircolatori, addirittura tumori che hanno dato origine a repentine metastasi. Un quadro “estremamente inusuale” secondo i dottori e che” potrebbe essere collegato all’obbligo di vaccinazione”.

Non è soltanto l’aumento di patologie “gravi” a preoccupare i medici dell’esercito, che si sono trovati a fare i conti anche con un boom di episodi di miocarditi (+269% rispetto al periodo precedente la campagna di inoculazione), emboli polmonari (addirittura +467%) e un aumento negli episodi della cosiddetta “paralisi di Bell”, una paresi improvvisa del nervo facciale che solitamente guarisce poi in maniera spontanea. In una dichiarazione giurata dei sanitari riportata dalla testata Blazemedia si legge: “È mia opinione professionale che la maggior parte degli aumenti di incidenza dei casi sopra discussi di aborti spontanei, cancri e altre malattie sia legato alle vaccinazioni contro il Covid”.

Secondo l’avvocato Renz, che ha portato in Senato la testimonianza dei tre medici, questa sarebbe soltanto la proverbiale punta dell’iceberg e presto potrebbero emergere dati circa la diffusione di altre malattie tra i soldati americani: “Se anche i vaccini non c’entrassero, saremmo comunque di fronte a una catastrofe sanitaria”. Della quale l’opinione pubblica ora pretende di conoscere le cause.

Ti potrebbe interessare anche: “Più rischi per i giovani con la terza dose”: i numeri choc dello studio sugli effetti del booster

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Il dramma di Irene, colpita da ictus 8 giorni dopo il vaccino. I parenti: “Presenteremo una denuncia”

Nuove regole su colori delle Regioni e scuole. In arrivo l’ennesima circolare