in

“Solidarietà a Stefano Puzzer licenziato per aver difeso i diritti dei lavoratori”

Pubblicato il 17/04/2022 12:58

PARAGONE: SOLIDARIETÀ A STEFANO PUZZER, LICENZIATO PER AVER DIFESO I DIRITTI DEI LAVORATORI

“Esprimo la mia completa solidarietà e quella del mio partito a Stefano Puzzer, vergognosamente licenziato per aver difeso il diritto al lavoro dei suoi colleghi non vaccinati pur essendo lui stesso vaccinato”, dichiara Gianluigi Paragone, leader di Italexit. “Stefano ha la sola colpa di avere guidato una protesta democratica e civile, sostituendo i sindacati che hanno ormai rinunciato a esercitare il loro ruolo.

La notizia del licenziamento di Puzzer rappresenta l’ennesimo attacco alla democrazia e ai diritti fondamentali dei cittadini, ed è cartina al tornasole di una situazione del Paese sempre più intollerabile. Il dissenso non è accettato, e viene punito come accade solo nelle dittature. Oltretutto questa notizia arriva nel giorno in cui quattro lavoratori in diverse zone d’Italia hanno perso la vita per incidenti sul lavoro. Questi sono i risultati di politiche del lavoro sempre più vessatorie, nelle quali l’essere umano è considerato come una pedina sacrificabile, la sua dignità è continuamente offesa e la sua vita messa a rischio quotidianamente “.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Mi hanno licenziato”. L’annuncio di Stefano Puzzer è un sopruso di Stato

Quarta dose? No grazie! I numeri che distruggono Speranza e i suoi virologi