in

Case per i poveri date a parenti e amici: ecco la nuova truffa dei palazzinari a Roma

Pubblicato il 29/03/2022 10:29

Case per i poveri date a parenti e amici. Ecco l’ultimo affare dei palazzinari di Roma. Come racconta Lorenzo D’Albergo su Repubblica, “l’housing sociale – pensato per venire incontro alle famiglie che non possono acquistare o affittare una casa ai prezzi del costosissimo mercato immobiliare capitolino, per cercare di risolvere l’apparentemente irrisolvibile piaga dell’emergenza abitativa, lo strumento imposto ai costruttori dalla Regione per l’edilizia sociale – è finito fuori controllo”. Ed è diventato un contenitore riempito con affittuari fuori dai parametri previsti dalla legge. “I canoni calmierati, pensati per mettere un tetto sopra la testa di chi non se lo può permettere, alla fine sono stati applicati ai parenti e agli amici del palazzinaro di turno”. (Continua a leggere dopo la foto)

È questa la grande truffa ai danni delle fasce fragili della città raccontata dai documenti riservati del Campidoglio: “Ci sono 1.386 appartamenti sotto inchiesta. Presto scatteranno le prime sanzioni. A ricostruire punto per punto l’inghippo è il report della direzione Emergenza alloggiativa del Comune di Roma, guidata da Massimo Ancillotti, uno dei comandanti più esperti dei vigili urbani. Si parte dal 2012 e dal regolamento regionale, poi rivisto nel 2015, che determina i criteri per l’accesso all’edilizia sociale. Il sistema è semplice: seguendo i dettami del Piano casa (demolizione e ricostruzione) a fronte di un aumento di superficie edificabile il costruttore si impegna a cedere almeno il 30% degli alloggi che realizzerà seguendo le norme dell’housing sociale”. (Continua a leggere dopo la foto)

Le case sarebbero quindi dovute “essere cedute in affitto (tra i 4 e i 5 euro al metro quadrato) a chi risiede o lavora a Roma, non possiede già almeno il 50% di un appartamento adeguato al proprio nucleo familiare e non ha un reddito superiore alle fasce previste per l’accesso all’edilizia agevolata. Favorite famiglie numerose, over 65, coppie under 35, studenti fuorisede, sfrattati, disabili, reduci da divorzi e separazioni, appartenenti alle forze dell’ordine, ai vigili del fuoco o all’Esercito”. Uno spettro piuttosto ampio e quindi “un bersaglio difficile da mancare, ma comunque accuratamente snobbato da buona parte dei costruttori coinvolti nell’indagine del Comune di Roma. Si va dagli imprenditori che hanno realizzato il palazzone che affaccia su via del Porto Fluviale e sul Tevere, fronte ponte di Ferro, a quelli che hanno investito sulle villette a schiera disseminate da Ostia alle periferie Est, Ovest e Nord della capitale”. (Continua a leggere dopo la foto)

Qui gli alloggi per l’housing sociale, annota la direzione Emergenza alloggiativa, sono stati assegnati in barba alle regole: “I soggetti beneficiari, nella maggioranza dei casi, non appaiono economicamente fragili e/o bisognosi”. Nuclei familiari spesso “vicini o legati al soggetto attuatore (dell’intervento, il costruttore, ndr) per rapporti di lavoro, parentali o amicali”. Una pratica piuttosto diffusa: “Sui primi 301 contratti verificati sono state individuate 104 violazioni. Più di un terzo degli affittuari degli alloggi di edilizia sociali è sicuramente abusivo. Altri 63 casi sono ancora sotto inchiesta, mentre 24 posizioni risultano ‘dubbie’ e quindi richiederanno ulteriori approfondimenti”. L’ottimo lavoro del comandante Lancillotti si spera possa portare a un po’ di giustizia a Roma.

Ti potrebbe interessare anche: “Salviamo i taxi dalle Big Tech”. Italexit in Parlamento a difesa dei lavoratori italiani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

M5S, Conte di nuovo nel mirino: stavolta c’è di mezzo un affitto da 12 mila euro al mese

Bollette alle stelle mentre le prenotazioni crollano: la Pasqua da incubo del turismo italiano