in

“Ripristinare lo stipendio”. Un’altra sentenza del TAR in favore dei sospesi

Pubblicato il 07/03/2022 17:05

Dopo le sentenze favorevoli del TAR del Lazio dei giorni scorsi, anche gli altri TAR iniziano a pronunciarsi sui ricorsi alle sospensioni dal lavoro dei non vaccinati. È dello scorso fine settimana l’ultima delibera del TAR del Veneto e anche questa volta la direzione è la medesima.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il caso

Questa volta la contestazione riguarda tre poliziotti, tutti cinquantenni non vaccinati, appartenenti alla questura di Padova. I tre membri delle forze dell’ordine erano stati sospesi dal servizio tra la fine di dicembre e la prima metà di gennaio. Ora, il Presidente del Tar ha decretato che potranno avere lo stipendio e gli arretrati dal momento della sospensione. Una vittoria non di poco conto, sia per loro che per chiunque altro si sia opposto alle direttive del Governo Draghi.
(Continua a leggere dopo la foto)

La sentenza

Il Presidente del Tar Veneto, dott.ssa Maddalena Filippi, tra i più importanti Giudici Amministrativi e con una lunga carriera di Presidente del TAR Marche, Presidente di Sezione del TAR Lazio e Consigliere di Stato dal 2014, ha accolto in parte la domanda e per l’effetto sospende l’esecuzione del provvedimento in data -OMISSIS-, limitatamente alla disposta sospensione dalla retribuzione, fissando per la trattazione collegiale della domanda cautelare la camera di consiglio del 23 marzo 2022. Elenchiamo di seguito i link per accedere alle tre sentenze:
TAR-VENETO-decreto-n.367-del-4.3.22-REG.RIC_.N.-003332022
TAR-VENETO-decreto-n.368-del-4.3.22-REG.RIC_.N.-003342022
TAR-VENETO-decreto-n.369-del-4.3.22-REG.RIC_.N.-003352022
(Continua a leggere dopo la foto)

La soddisfazione del legale

Esprime soddisfazione il legale del sindacato di Polizia Cosap, avv. Teofilo Migliaccio, che assiste i tre poliziotti: “Sia chiaro che non ci troviamo di fronte a degli invasati no vax, assicura, ma a dei poliziotti che hanno dei dubbi sulle possibili conseguenze che potrebbero derivare dall’assunzione del vaccino. Lo Stato dovrebbe rassicurarli, e invece li ricatta non facendoli lavorare. Se pensiamo che uno appartenente alle forze dell’ordine che viene sospeso perché accusato di aver commesso un reato ha comunque diritto a percepire la metà dello stipendio, è evidente che questi agenti vengono trattati peggio dei criminali solo per aver manifestato dei legittimi timori in merito al siero anti-Covid. Le restrizioni sono insensate – conclude l’avvocato – perché non servono a impedire la diffusione del contagio tra colleghi, visto che è ormai dimostrato che il covid viene trasmesso anche dai vaccinati. Vedremo se il Tar del Veneto ci darà definitivamente ragione”.
(Continua a leggere dopo la foto)

L’importanza della magistratura

Il muro dell’illegittimità dei provvedimenti governativi inizia pian piano a sgretolarsi. Un altro piccolo passo verso la giustizia viene mosso da quella parte di magistratura che, fortunatamente, sembra ancora ricordarsi che cosa siano i diritti fondamentali. Avremo bisogno di altre sentenze simili in futuro.

Potrebbe interessarti anche: Ai lavoratori sospesi spetta metà stipendio. La sentenza rivoluzionaria del TAR

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Da una informazione malata non si tirano fuori notizie

“Lutto nazionale per l’informazione”. Il Governo spegne centinaia di tv locali. Il loro appello