in

“Vogliamo i dati”. I giudici amministrativi siciliani sfidano l’Aifa e Speranza

Pubblicato il 18/01/2022 09:20

Il Consiglio di Stato interviene a gamba testa sull’obbligo vaccinale e chiede al ministero guidato da Roberto Speranza “la trasmissione dei dati attualmente raccolti dall’amministrazione in ordine all’efficacia dei vaccini, con specifico riferimento al numero dei vaccinati che risultino essere stati egualmente contagiati dal virus (ceppo originario e/o varianti), sia il totale sia i numeri parziali di vaccinati con una due e tre dosi; i dati sul numero di ricovero e decessi dei vaccinati contagiati; i dati di cui sopra comparati con quelli dei non vaccinati”. È un’ordinanza dal sapore storico quella emessa del Consiglio di Giustizia amministrativa, il secondo grado della giustizia amministrativa in Sicilia, regione a statuto speciale, considerato una sezione distaccata del Consiglio di Stato intervenendo sull’opportunità e la legittimità costituzionale del vaccino obbligatorio. (Continua a leggere dopo la foto)

Il Consiglio e chiede di avviare un’istruttoria a un collegio formato dal Segretario generale del Ministero della Salute Giovanni Leonardi, al Presidente del Consiglio Superiore della Sanità Franco Locatelli e al Direttore della Direzione generale di prevenzione sanitaria Giovanni Rezza. Come racconta Franco Bechis, “tutto nasce da un appello di un tirocinante siciliano ‘non ammesso al corso formativo all’interno di strutture sanitarie perché non sottopostosi al vaccino per il Covid-19’. Di qui il Consiglio di Stato avanza al governo una lista di richieste”. La prima: individuare “le modalità di valutazione di rischi e benefici operata, a livello generale, nel piano vaccinale e, a livello individuale, da parte del medico vaccinatore, anche sulla basa dell’anamnesi pre-vaccinale”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ma anche se vengano “consigliati all’utenza test pre-vaccinali, anche di carattere genetico (considerato che il corredo genetico individuale può influire sulla risposta immunitaria indotta dalla somministrazione del vaccino)”. A questi la sezione siciliana dell’organo supremo della giustizia amministrativa italiana, da pochi giorni presieduto da Franco Frattini, aggiunge la richiesta di un chiarimento “sugli studi ed evidenze scientifiche (anche eventualmente emerse nel corso della campagna vaccinale) sulla base dei quali venga disposta la vaccinazione a soggetti già contagiati dal virus”. E qui c’è il passaggio che abbiamo messo in apertura e che rischia di far perdere il sonno al ministro Speranza. (Continua a leggere dopo la foto)

Il Consiglio di Stato chiede dunque i dati che dimostrino numeri alla mano l’efficacia del vaccino non solo contro i sintomi gravi del virus ma anche contro il contagio. Scrive Bechis: “Una distinzione – quella tra protezione contro i ricoveri e contro i contagi – sottolineata in una recente nota dell’Ema, l’agenzia europea del farmaco, riguardo alla variante Omicron: ‘Sebbene la maggior parte dei dati disponibili suggerisca che i vaccini anti-Covid approvati stiano perdendo efficacia nella protezione contro l’infezione e la malattia lieve, continuano a fornire un’elevata protezione contro le forme gravi e la necessità di ricovero legata alla variante Omicron di Sars-CoV-2′”. (Continua a leggere dopo la foto)

Al governo il Consiglio di Stato siciliano chiede anche di chiarire “le modalità di raccolta del consenso informato” e spiegare meglio come funzionerà “l’articolazione del sistema di monitoraggio” che in casi eccezionali e di pericolo per la salute pubblica possa consentire “la sospensione dell’applicazione dell’obbligo vaccinale”. Un nodo intricato che dovrà sciogliere il collegio tripartito riguarda invece il ruolo e i limiti dell’azione dei medici di base. In particolare bisognerà mettere nero su bianco quando e in quali casi spetterà al medico di base comunicare “tutti gli eventi avversi (letali e non) e patologie dai quali risultino colpiti i soggetti vaccinati” o ancora “se sia a discrezione dei medici di base comunicare eventi avversi che, a loro giudizio, possano essere ricollegabili alla vaccinazione”. È ora che Speranza qualche risposta cominci a darla.

Ti potrebbe interessare anche: L’accanimento contro Montagnier dimostra la necessità di ascoltarlo

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Green pass nei negozi, il governo ha deciso dove sarà richiesto. L’elenco

Ha salvato 3.000 pazienti con le cure domiciliari, ora rischia la sospensione dall’Ordine