in

Ricciardi “scende in campo”. Il profeta dello Stato di polizia sanitaria entra in politica

Pubblicato il 21/02/2022 14:22

È stato per mesi tra i più strenui sostenitori della strategia delle restrizioni e delle chiusure, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza e primo tifoso di lockdown e obblighi di sorta. Ora, per Walter Ricciardi è arrivato il momento di un altro salto in avanti: l’ingresso in politica, con tanto di tesseramento già avvenuto. Con chi? Il Partito Azione di Roberto Calenda, che ha dato l’annuncio in prima persona durante l’ultima puntata del programma L’Aria di Domenica in onda su La7.

Ricciardi "scende in campo". Il profeta dello Stato di polizia sanitaria entra in politica

Tra lo stupore della conduttrice Myrta Merlino, infatti, Calenda ha indicato Ricciardi, a sua volta ospite della trasmissione, e ha spiegato: “Lei non lo sa ma Ricciardi è in Azione, è il responsabile della sanità del partito. Siamo colleghi”. Una notizia che ha sorpreso la conduttrice: “Ma quindi Ricciardi ha la tessera di Azione? Ma questo è un colpo di scena!”.

Merlino ha chiesto a quel punto a Ricciardi cosa ne pensasse il ministro della Salute Speranza di questa sua scelta. A quel punto, l’igienista e accademico ha spiegato: “Guardi che ero già in Azione prima di diventare consigliere di Speranza. Conosco Calenda da tanti anni e lo stimo moltissimo”. Calenda ha poi fornito ulteriori dettagli: “A maggio abbiamo presentato un piano identificando, Regione per Regione, il numero dei medici, terapie intensive e Covid center che sarebbero stati necessari”.

Calenda ha concluso spiegando che Ricciardi non è l’unico esponente della compagine governativa per il quale nutre stima: “Gualtieri per esempio era un candidato alle europee, anche se non nel mio stesso collegio, per il quale abbiamo dato delle indicazioni di voto. Il lavoro che aveva fatto in Europa come presidente della commissione Eco era stato secondo me un lavoro di altissimo livello”.

Ti potrebbe interessare anche: Cassese: “Basta con le compressioni delle libertà. Se sproporzionate, sono illegittime”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Alberghi e ristoranti, il piano per i turisti. Ma per gli italiani sarà ancora Green pass

Senza Green Pass, Euro e Unione Europea, la Gran Bretagna vola. I numeri di un miracolo