in

“Gli obblighi devono restare per tutto il 2022”. La folle richiesta di Ricciardi

Pubblicato il 15/02/2022 08:45

Walter Ricciardi, consulente del ministro alla Salute Roberto Speranza, insiste con la sua campagna liberticida, prontamente ascoltata dal ministro e dal governo. In un’intervista rilasciata a Repubblica alla vigilia dell’entrata in vigore dell’obbligo per gli over 50 del Super Green Pass per lavorare (mentre in tutto il mondo stanno togliendo ogni tipo di restrizione), lancia una serie di riflessioni che fanno davvero paura. “Il Covid – esordisce – non scomparirà: una nuova malattia si è aggiunta a quelle che già conoscevamo. Ed è molto più grave dell’influenza. Non dobbiamo pensare che sia tutto finito. Certo, i risultati raggiunti devono soddisfarci, ma il virus continua a circolare e ci vuole ancora attenzione, abbassare le difese rende possibile un ritorno di fiamma dell’epidemia”. (Continua a leggere dopo la foto)

Poi la folle stoccata: “L’obbligo in questo momento è funzionale a evitare questo ritorno. Ci sono ancora 5 milioni di non vaccinati che tengono alto il numero dei morti. Per loro il virus resta molto temibile. Il Green Pass – spiega Ricciardi – serve ancora. Insieme alla vaccinazione deve diventare uno dei due perni della nuova normalità. Se li togliamo siamo a rischio. Sarebbe la terza volta che facciamo lo stesso errore, il terzo anno in cui pensiamo che tutto sia finito e poi ci troviamo con la curva che risale. Deve essere chiaro a tutti: il virus circola ed è temibile. Per tutto questo 2022 obbligo e Green Pass vanno mantenuti“. (Continua a leggere dopo la foto)

E ancora: “Siamo ancora in un anno di passaggio. Va visto cosa succederà ad ottobre per capire se il virus si ripresenterà e con quale veemenza, così è fondamentale avere già attivi gli strumenti che ci permettono di combatterlo nel modo più efficace. La cosa importante – aggiunge Ricciardi – è che la politica si fidi della scienza e prenda decisioni basate sulle evidenze. Questo al di là di come vengono chiamati i suoi consiglieri. Basta che comunque vengano mantenute in piedi tutte le strategie che ci fanno controllare il virus”. (Continua a leggere dopo la foto)

Quanto all’opportunità di vaccinare i più piccoli, sottolinea che “bisogna stare ai fatti. E il dato è che questa è una malattia insidiosa, anche nei bambini. L’evidenza ci dice che vanno protetti, uno su dieci prende il long Covid e le ospedalizzazioni sono centinaia. Per questo vanno vaccinati. È plausibile che ci sia una attenuazione della protezione nei vaccinati e che diventi necessario fare richiami con periodicità. Non è detto che debba avvenire con cadenza annuale, bisogna aspettare i dati. Sicuramente si dovrà partire dai fragili ma poi, con ogni probabilità, lo dovremo fare tutti”.

Ti potrebbe interessare anche: “Dose fatale”. Carabiniere morto dopo la vaccinazione, ora è ufficiale

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Nessuna sospensione per i militari non vaccinati”: la storica decisione del Tar del Lazio

“Terza dose, ecco quali rischi corrono i giovani”: l’allarme del virologo Broccolo