in

Povia: “Mi hanno multato in piazza per aver cantato senza mascherina”. Esplode la rabbia dei social

Pubblicato il 22/02/2022 15:16

Una multa per aver cantato, in piazza, senza mascherina. Vittima del provvedimento è stato il cantante Povia, che lo scorso 22 gennaio era stato tra i manifestanti scesi in piazza Colombo, a Sanremo, per manifestare contro il Green pass, strumento adottato dal governo italiano per combattere la pandemia e considerato una vere a propria ingiustiza da un numero crescente di italiani. Per il cantante è scattata la sanzione, così come per altri presenti all’evento di protesta. Una notizia che ha infiammato i social.

A dare notizia dell’accaduto è stato il diretto interessato, che ha spiegato: “Mi è arrivata la multa perché cantavo in piazza senza mascherina. Fa già ridere così”. Povia era tornato per l’occasione in quella Sanremo che lo aveva visto vincitore del Festival 2006, cantando in piazza in occasione della protesta che aveva visto altri manifestanti multati: in totale una trentina, secondo La Stampa, ai quali potrebbero aggiungersi altri nei prossimi giorni.

All’epoca dei fatti, era ancora in vigore l’obbligo di mascherina all’aperto, che sarebbe stato abolito meno di un mese dopo. Le forze dell’ordine, nonostante si andasse verso un’abolizione delle restrizioni, avevano deciso di ricorrere al pugno duro, identificando e multando i presenti che non avevano in viso i dispositivi anti-Covid. Per i trasgressori era scattata una sanzione di 400 euro.

Una notizia, quella della multa al cantante, che ha scatenato le polemiche sui social, dove molti utenti si sono chiesti: “Perché a Sanremo i cantanti si sono esibiti regolarmente senza mascherina, lanciandosi spesso e volentieri tra il pubblico, mentre per chi suona in piazza, all’aperto scattano ancora le multe?”. Domande alle quali è difficile dare una risposta, come sempre più difficile è trovare una logica dietro le scelte del governo.

Ti potrebbe interessare anche: Il giallo delle dosi Novavax sparite nel Lazio, l’assessore: “Non sappiamo dove siano”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Ecco cosa ci accadrà il prossimo inverno”: la nefasta profezia di Pregliasco sul Covid

Attacco alle banche russe: così l’occidente risponde all’invasione di Putin