in

Pillole anticovid, ecco come hanno boicottato gli antivirali e favorito i vaccini: “Quanti morti potevamo evitare”

Pubblicato il 04/05/2022 10:19

Ancora una volta si deve parlare di vaccini, e della “straordinaria” operazione che ha messo in campo Big Pharma con la connivenza dei governi, quelli italiani in testa. Seguendo la pista delle pillole antivirali, si scopre che le poverette sono state vittime di un vero e proprio boicottaggio teso a favorire proprio i vaccini. Di conseguenza, questa è la tesi, si scopre anche che senza questo boicottaggio probabilmente si sarebbero potute salvare molte vite. Le pillole riservate ai più fragili, che riducono dell’85% il rischio che il Covid generi forme gravi di malattia, come racconta La Stampa per colpa della burocrazia il Paxlovid “ancora non si trova, così a 73 giorni dal suo sbarco in Italia è stato somministrato a nemmeno 10 mila contagiati fragili rispetto alla platea dei 600 mila per i quali se ne sono acquistate le dosi”. (Continua a leggere dopo la foto)

Come denuncia Guido Rasi, ex numero uno dell’Ema, “sarebbe utile capire quale quota degli oltre mille morti che ancora contiamo ogni settimana si sarebbe potuta giovare di questo antivirale. Credo che ci troveremmo davanti a numeri abbastanza alti”. Un’accusa potentissima. La spiegazione ufficiale del fiop la fornisce Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia: “Noi eravamo pronti ma fino ad ora non sono disponibili le confezioni con il foglietto illustrativo in italiano, in questo caso particolarmente importanti visto che il farmaco interagisce con diverse altre terapie”. (Continua a leggere dopo la foto)

I medici di famiglia, pur potendo prescrivere le pillole antivirali, si trovano però costretti a fronteggiare le proteste dei loro assistiti che non vogliono fare poi la trafila in ospedale per ritirarlo. Insomma, si capisce che è stato messo in piedi un sistema di una complessità inaudita teso a sfavorire il ricorso a questi farmaci per lasciare ancora campo libero ai vaccini. Vaccini che ormai tutti gli studi scientifici stanno bollando come inutili e pericolosi. “Paxlovid è attualmente autorizzato per chi ha compiuto 18 anni, non ha ancora sintomi gravi e presenta un alto rischio di sviluppare una forma grave di malattia”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ma Rasi propone di ampliarne la prescrivibilità: “Dobbiamo capire come trarre massimo vantaggio da questa terapia in vista dell’autunno, ma anche in questa fase di lenta discesa dal plateau. Per questo credo che sia opportuno consentirne la prescrizione agli over 70, anche se non hanno patologie importanti”. Stessa strategia a suo avviso andrebbe adottata per il cocktail di monoclonali firmato da AstraZeneca, l’unico a poter essere utilizzato dagli immunodepressi a scopo preventivo, dunque prima di correre seri rischi infettandosi. “Il trattamento ha mostrato di saper ridurre di oltre l’80% il rischio di sviluppare la patologia a sei mesi dalla sua somministrazione, evitando così non pochi decessi”. Il problema – ancora una volta – è che l’Aifa lo ha autorizzato solo per circa 90 mila ultrafragili…

Ti potrebbe interessare anche: ITALEXIT PER L’ITALIA al 4,2%, il sondaggio del Corriere della Sera che cambia la politica italiana

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Vaccini, cosa ci nascondono? Cosa si è inventato il governo pur di non fornire i dati sui sieri

Il Green pass è ancora vivo e pronto a tornare: ecco quando il governo lo ritirerà fuori