in

“Non ho percepito alcun sostegno né ristoro”, il commerciante beffato dal governo

Di seguito riportiamo una delle numerose lettere che riceviamo dai nostri lettori.

“Buongiorno Gianluigi, vedo per quante cause dimenticate combatti.
Come agente di commercio di abbigliamento non ho percepito alcun sostegno né ristoro. (Continua dopo la foto)

Conte ha preso come riferimento, per tutta la sua gestione, il mese di aprile 2020 da raffrontarlo al medesimo mese del 2019 per valutare le perdite dovute al Covid. Nel mio caso il fatturato di aprile è dato dal maturato di gennaio/febbraio/marzo, in cui il Covid ben poco aveva inciso, estromettendomi dal ristoro.

Mentre Draghi prende l’anno solare, in cui ho perso il 25%, e non l’anno fiscale (su cui pago le tasse con il modello Unico) in cui invece ho perso il 39%. A gennaio 2020 io fatturo l’ultimo trimestre 2019! (Continua dopo la foto)

Pensa che ho alcuni colleghi che pur avendo fatturato in linea col 2019, perché magari hanno avuto indennità di fine rapporto, hanno percepito 7/8000€ di aiuti. Io, che ho perso effettivamente il 39%, niente! Fai presente, per favore, anche questo tipo di situazioni.
Grazie ancora

L’ennesima beffa per i ristoratori: il governo fissa le condizioni (inverosimili) per riaprire

Milano vuole sfrattare la storica “Sala Venezia”: e parte la petizione per salvarla