in

No Green pass? No smart working: le nuove norme del governo. Siamo oltre l’assurdo!

Pubblicato il 08/10/2021 09:50

Andare oltre la follia, precipitare nell’assurdo. Ecco cosa sta facendo il nostro governo ed ecco cosa siamo costretti a subire. Adesso hanno deciso che il Green pass è obbligatorio anche per chi fa smart working. Qual è il senso? Nonostante i dati dicano tutt’altro rispetto a quello che fa il governo, l’esecutivo guidato da Draghi continua senza alcun fondamento scientifico con la linea dura, e ora arrivano le nuove norme dei ministri per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta e della Salute Roberto Speranza per quanto concerne il ritorno al lavoro in presenza dei dipendenti pubblici. Senza green pass questa categoria di lavoratori non riceverà lo stipendio. Non solo… (Continua a leggere dopo la foto)

L’assenza da lavoro, considerata ingiustificata, non permetterà di maturare il periodo di tempo necessario per ottenere gli scatti, le progressioni e la pensione. La bozza del documento redatto dai due ministri, e riportato da Il Messaggero, prefigura uno scenario folle. “Se il provvedimento dovesse diventare effettivo, chi sarà sprovvisto del lasciapassare verde non potrà neppure contare sul lavoro da casa”. (Continua a leggere dopo la foto)

Sulla bozza visionata da Il Messaggero, infatti, si legge che “non è consentito, in alcun modo, che il lavoratore permanga nella struttura, anche a fini diversi, o che il medesimo sia adibito a lavoro agile in sostituzione della prestazione non eseguibile in presenza”. Consentire lo smart working, prosegue il documento, sarebbe un aggiramento della norma. E ancora: “Non è consentito in alcun modo, in quanto elusivo del predetto obbligo, individuare i lavoratori da adibire al lavoro agile sulla base del mancato possesso di tale certificazione”. (Continua a leggere dopo la foto)

L’obbligo di esibire la certificazione verde per accedere agli uffici pubblici, fra l’altro, non riguarderà soltanto i dipendenti, ma anche per “i visitatori e le autorità politiche o i componenti delle giunte e delle assemblee delle autonomie locali e regionali”. Dovranno inoltre essere mantenuti i controlli, in particolare nei confronti dei dipendenti, tenuti ad essere in possesso del green pass. Anche in questo caso, secondo le nuove norme, toccherà ai dirigenti organizzare il tutto.

Ti potrebbe interessare anche: L’Aifa è sotto inchiesta: qual è l’accusa della Corte dei Conti. Tremano i vertici della sanità italiana

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Casi gravi in aumento del 65%”: vaccini, gli Usa lanciano l’allarme (e crescono anche i morti)

Vaccini, è caos su efficacia e durata della protezione. Ma Big Pharma insiste per la terza dose