in

“Niente sospensione per i poliziotti non vaccinati”: cosa succederà da domani

Pubblicato il 26/03/2022 13:56

I poliziotti non vaccinati non possono essere sospesi dal lavoro. Dopo mesi di polemiche per le decisioni del governo Draghi, che continua a obbligare gli italiani a sottoporsi al vaccino e punisce chi non si adegua, il capo della polizia Lamberto Giannini ha diffuso una circolare relativa al decreto sulle disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto al Covid-19, un testo che modifica le possibile conseguenze per quegli agenti che ancora oggi rifiutano la somministrazione dei farmaci antivirus.

"Niente sospensione per i poliziotti non vaccinati": cosa succederà da domani

Una circolare emanata come “conseguenza della cessazione dello stato di emergenza”. E nella quale si conferma “la vigenza dell’obbligo vaccinale anche per il personale della Polizia di Stato fino alla data del 15 giugno 2022”. A cambiare sono però le “conseguenze in caso di inadempimento” e in particolare la possiblità di sospendere dallo svolgimento della professione gli agenti.

A partire dal 26 marzo, infatti, Gianni ha annunciato che ai “dipendenti della Polizia di Stato inadempienti all’obbligo vaccinale non è più applicabile la sospensione dal diritto di svolgimento dell’attività lavorativa” ma solo “la sanzione amministrativa pecuniaria”.

“Per quanto concerne i provvedimenti di sospensione dal diritto di svolgimento dell’attività lavorativa già adottati”, la circolare precisa che “i dipendenti tuttora sospesi dovranno essere riammessi in servizio a decorrere” da oggi e che avranno “l’obbligo di presentarsi in servizio il giorno successivo a quello della pubblicazione della circolare, “salva l’applicazione degli ordinari istituti di assenza legittima”. Infine “gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario appartenenti alla Polizia di Stato resteranno sospesi dal servizio”.

Ti potrebbe interessare anche: Il giallo delle dosi Novavax sparite nel Lazio, l’assessore: “Non sappiamo dove siano”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Non si possono isolare e discriminare i lavoratori non vaccinati”: la storica sentenza

Pfizer ritira un farmaco: “Potenzialmente cancerogeno”. La multinazionale leader nei vaccini ci ricasca