in

“Non vaccinerei mio figlio”. Germania, bomba del presidente del Comitato vaccinazione

Pubblicato il 03/12/2021 08:41

Una dichiarazione forte, che deflagra nel marasma della corsa alla vaccinazione per i più piccoli. Il presidente della Commissione permanente tedesca per le vaccinazioni (Stiko), Thomas Mertens, ha dichiarato che al momento non farebbe vaccinare il proprio bambino di sette anni contro il Covid a causa della mancanza di dati chiari sugli effetti di lungo periodo. Una vera e propria bomba che ha mandato su tutte le furie l’intero sistema. In pochi minuti, infatti, in molti si sono detti: “Se non lo fa lui, perché dovremmo invece vaccinare noi i nostri bambini?”. Mertens lo ha dichiarato a F.A.Z. (Continua a leggere dopo la foto)

Più volte ha sottolineato come al momento non ci siano “dati” sufficienti sulla tollerabilità del vaccino nel gruppo dei bambini di età compresa tra i cinque e gli undici anni. “Proprio perché le infezioni Covid nei bambini sono solitamente innocue, bisogna essere tanto più sicuri che la vaccinazione sia ben tollerata nel lungo periodo”, ha proseguito Mertens. “La Stiko si trova di fronte a questa considerazione da dover pesare”, sottolinea il quotidiano tedesco. (Continua a leggere dopo la foto)

“Le decisioni politiche sbagliate non possono essere corrette con la vaccinazione”, ha dichiarato Mertens, il quale a Faz ha anche criticato il fatto che la riluttanza dei giovani di età compresa tra 18 e 59 anni a farsi vaccinare dovrebbe ora essere compensata con quella ai bambini. “Se la malattia non gioca un ruolo serio per la persona da vaccinare da un punto di vista medico, bisogna essere tanto più certi che la vaccinazione sia ben tollerata a lungo termine”, ha rimarcato. (Continua a leggere dopo la foto)

Dopo il via libera di Aifa alla immunizzazione della fascia 5-11 anni arriva anche in Italia il calendario per la vaccinazione pediatrica anti Covid. Sull’immunizzazione della fascia più giovane della popolazione il dibattito internazionale è ormai aperto, ma il governo italiano si tappa le orecchie e va avanti spedito, fregandosene dei dati e delle opinioni di altri esperti, come Mertens ad esempio.

Ti potrebbe interessare anche: Variante sudafricana, si sta avverando ciò che disse il Nobel Montagnier: le sue parole

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Paragone: “Ecco cosa abbiamo scoperto sulla propaganda Aifa del siero ai bambini”

L’ad di Pfizer: “Ecco per quanto tempo faremo un vaccino all’anno”