in

“Ecco perché l’invasione dell’Ucraina è colpa dell’Europa”. Così la Maglie sotterra l’Ue

Pubblicato il 07/03/2022 08:35

“È colpa dell’Europa”. Nel salotto della trasmissione Controcorrente, il talk politico condotto da Veronica Gentili su Rete4, si parla ovviamente di guerra e delle possibili mosse di Vladimir Putin in Ucraina. Tra gli ospiti della puntata di domenica 6 marzo, come riporta Il Tempo, c’è la giornalista Maria Giovanna Maglie che spiega come, secondo lei, il presidente russo abbia scelto di “allargarsi” a occidente per via della debolezza dell’occidente stesso: “È frutto di un’Europa che si è preoccupata solamente di green, transizione, gender fluid, politically correct, la pace… Quando le democrazie non sono forti, le autocrazie avanzano”. (Continua a leggere dopo la foto)

La Maglie ritiene che la Nato avrebbe dovuto essere un’organizzazione di sicurezza, e non difensiva, per evitare che la situazione tra i due Paesi prendesse questa piega. “Il tutto avviene sulla pelle degli ucraini, e anche sulla pelle dei soldati russi. Non c’è dubbio che questa guerra è talmente sporca e talmente cattiva che si combatte a suon di morti e a suon di resistenti” commenta. “Ho passato tutto il pomeriggio al telefono con gente che fa avanti e indietro con l’Ucraina. Loro chiedono torce, perché fanno lunghi percorsi a piedi per arrivare verso il confine e lo fanno al buio, e chiedono powerbanks, cioè i caricatori di batterie automatici, perché altrimenti perdono i contatti con i soccorritori aldilà del confine” racconta. (Continua a leggere dopo il video)

Tragedia nella tragedia, ricorda Maria Giovanna Maglie, sarà il “mare di profughi che sta arrivando”: “Sono profughi un po’ speciali, perché sono una quantità enorme e sono tutti donne e bambini, perché gli uomini dai 18 anni in su devono restare. E noi non riusciamo a mettere in piedi un negoziato che abbia un senso”. L’unico modo per fermare Putin sarebbe “fare sentire tutta la pressione dell’occidente”, ma la giornalista dubita che questo ne sia capace.

Ti potrebbe interessare anche: Bassetti va alla guerra: l’ultima sparata del virologo sulla crisi in Ucraina

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Altro che sanzioni! Uno Stato europeo si sfila e invita le sue aziende a non lasciare la Russia

“Covid, nuovi indizi sulla fuga dal laboratorio di Wuhan”: la rivelazione dell’Aifa sulla Cina