in

La Finanza a casa di Conte, nel mirino consulenze per 400 mila euro. Lo scoop del Domani

Pubblicato il 02/02/2022 13:37 - Aggiornato il 03/08/2022 14:16

Una blitz a sorpresa, quello della Guardia di Finanza, che su ordine della Procura di Roma si è presentata qualche settimana fa alle porte dell’ex premier Giuseppe Conte. Come raccontato dalla testata Domani, nel mirino delle Fiamme Gialle ci sarabbero state fatture e consulenze fatte al gruppo Acqua Marcia, nello specifico dei contratti di consulenza stipulati con il gruppo, poi fallito. Stando a quanto riportato dal quotidiano, i militari avrebbero perquisito l’abitazione dell’attuale leader del M5S alla ricerca di fatture per un ammontare complessivo di 400 mila euro.

L’articolo di Domani, firmato da Emiliano Fittipaldi e Giovanni Tizian, racconta di una perquisizione andata in scena qualche settimana fa nello studio-appartamento di Conte in via della Fontanella Borghese. Al momento il fascicolo d’indagine non prevederebbe indagati ed è arrivato alla magistrata Maria Sabrina Calabretta dalla Procura di Perugia, che da mesi indaga sulle dichiarazioni di Piero Amara riguardo la presunta esistenza della cosiddetta “Loggia Ungheria”.

L’avvocato Amara, coinvolto in varie inchieste e attualmente in carcere per corruzione in atti giudiziari, nel 2019 aveva riferito ai magistrati di Milano di aver parlato su richiesta di Michele Vietti, già vicepresidente del Csm, con Fabrizio Centofanti, all’epoca responsabile delle relazioni istituzionali di Acqua Marcia. A quest’ultimo ha sostenuto di aver suggerito, per ottenere l’omologa del concordato, “di nominare come legali Guido Alpa e Giuseppe Conte”.

Secondo Domani, la Guardia di Finanza avrebbe acquisito la documentazione relativa alle consulenze, “dell’ammontare di 300-400 mila euro, ma non tutte pagate, svolte da Conte per le società di Francesco Bellavista Caltagirone”. I finanzieri si sarebbero recati anche da Guido Alpa, avvocato, accademico e maestro dell’ex presidente del Consiglio. Perquisizioni sarebbero state effettuate anche in altri studi legali.

Ti potrebbe interessare anche: “Invece di ossessionare i cittadini con Green pass e vaccini, Toti non potrebbe occuparsi della sanità?”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“A crescere è soltanto il lavoro precario”: i numeri che bocciano (sonoramente) il governo Draghi

Covid, il fuorionda del primario intervistato da Report: “Ecco come avremmo potuto evitare migliaia di morti”