in

La bufala del lockdown ai non vaccinati: cos’è successo davvero in Germania

Pubblicato il 27/12/2021 10:32

In queste ore concitate in cui l’attenzione sul fronte Covid è tornata altissima con il dilagare della variante Omicron, abbiamo assistito agli osanna rivolti dalle nostre testate ad Angela Merkel e al piano adottato in Germania per fermare i contagi. Una strategia che, per come ci è stata spiegata dai giornali italiani, è stata più che altro una lotta al mondo no vax. Il Corriere della Sera ha titolato, per esempio, in queste ore: “Covid, in Germania i contagi calano a 10mila dopo il lockdown dei non vaccinati”. Come dire: è bastato colpire chi ancora non aveva ricevuto la somministrazione e tutto è filato liscio come l’olio. Ma le cose sono andate davvero così?

La bufala del lockdown ai non vaccinati: cos'è successo davvero in Germania

Nell’articolo del Corriere, come in quelli di altre testate, si legge: “La stretta tedesca contro la pandemia, con l’introduzione di un parziale ‘lockdown per i non vaccinati’, ha dato i primi risultati”. Una ricetta da seguire, insomma, quella tedesca, dal risultato più che assicurato. Una lettura ben diversa è arrivata invece da Adriano Scanca alle pagine de La Verità. Vero, la Germania ha visto scendere il numero di casi giornalieri a circa 10.100 casi totali, dopo essere stato a lungo ben oltre i 70 mila. Ma il merito non sarebbe affatto delle imposizioni contro chi ancora rifiuta di sottoporsi all’inoculazione dei farmaci anti-Covid.

“Osservando la curva dei contagi nel Paese – ha spiegato Scanca – qualcosa non quadra. Il dato dell’incidenza settimanale dei casi su 100 mila abitanti ha toccato il suo picco a fine novembre, per iniziare da solo a calare poco dopo il varo delle nuove chiusure. Il 29 novembre, secondo il bollettino quotidiano nazionale, avevamo 452.4 casi ogni 100 mila abitanti, ma il valore era già sceso a 439.2 proprio il 2 dicembre, ovvero il giorno della stretta”.

L’impressione, insomma, è che ci sia stato un naturale calo dei contagi, come d’altronde tante volte è successo dall’inizio di una pandemia che procede a ondate, con picchi verso l’alto e ritorni alla normalità. Difficile pensare che l’annuncio di restrizioni per i non vaccinati sia stato sufficiente a invertire il trend nel giro di qualche ora, come per miracolo. Anche se i giornali italiani, all’unisono, cercano di farci credere che sia andata proprio così.

Ti potrebbe interessare anche: “Invece di ossessionare i cittadini con Green pass e vaccini, Toti non potrebbe occuparsi della sanità?”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Ecco come funziona la stangata che colpirà chi paga le tasse in ritardo

“Il monopolio delle cazz***…”: Capezzone zittisce così il virologo Pregliasco