in

Reintegro immediato per un’infermiera senza vaccino: arriva la sentenza storica

Pubblicato il 22/12/2021 07:48

Un’ottima notizia su fronte dei diritti del lavoratore. In un momento sempre più buio per la nostra democrazia, il Tribunale del lavoro ha confermato la linea espressa nelle settimane scorse dal giudice cautelare di Velletri, disponendo la riammissione al lavoro di una infermiera della Asl in virtù della rilevanza costituzionale dei diritti compromessi. L’infermiera, infatti, è tra quelle che hanno deciso di non sottoporsi a vaccinazione. La sentenza pubblicata il 14 dicembre e ripresa da Vlab spiega che “non è possibile discriminare tra interesse sanitario e altri settori, e neppure tra chi non vuole (ed è il caso dell’infermiera in questione) o non può vaccinarsi, perché i rischi per la salute pubblica sarebbero i medesimi”. (Continua a leggere dopo la foto)

L’unica clausola imposta dal magistrato è infatti quella di garantire che vi siano “adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura” al fine di “tutelare la salute pubblica”. Clausola che a quanto pare può essere soddisfatta, avendo a che fare con “una grande azienda che sicuramente avrà mediamente scoperture di organico e, comunque, assenze per malattia, aspettativa o ferie”. (Continua a leggere dopo la foto)

Inoltre il giudice aggiunge che, ad esempio, un compito amministrativo da svolgere in smart working sarebbe il miglior modo “per assicurare il fine voluto dal legislatore”, ossia quello di ridurre il rischio di contagiarsi. “Si tratta di un modus operandi che il legislatore ha già reso possibile per chi non può vaccinarsi, motivo per cui potrebbe palesarsi una discriminazione tra chi non vuole sottoporsi alla vaccinazione e chi è impossibilitato a farlo”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Questa discriminazione è costituzionalmente facilmente superabile dall’interpretazione perché l’interesse che è costituzionalmente prevalente è quello della salute pubblica, la quale è messa a rischio ugualmente dal soggetto non vaccinato a prescindere dal fatto che non si sia voluto vaccinare o non si sia potuto vaccinare”. Ci si augura, ora, che questa sentenza a favore di questa infermiera possa fare scuola e tanti altri lavoratori vedano così riconosciuti i loro diritti e le loro libertà.

Ti potrebbe interessare anche: Usa, vaccinata incinta, il neonato muore subito dopo il parto: la denuncia dei genitori

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

La variante Omicron si abbatte sul turismo: boom di prenotazioni cancellate e miliardi di euro in fumo

I virologi cantano “Sì sì vax”, Ultimo li massacra. Il durissimo attacco