in

Infarto ed emorragia cerebrale a 7 anni: aveva fatto il vaccino una settimana prima

Pubblicato il 06/12/2021 18:30

E’ lo zio della piccola Harper a denunciarlo sulla sua pagina Facebook: la piccola, originaria della Pennsylvania, ha appena 7 anni ma è stata ricoverata a causa di un infarto e un’emorragia cerebrale. Harper aveva ricevuto la sua prima dose di vaccino anti Covid appena una settimana prima.

Lo zio della piccola, Barry Gewin, il il 25 novembre ha affidato a Facebook la sua disperazione, raccontando ciò che è successo alla piccola Harper: “La mia bellissima e meravigliosa nipote Harper. È così preziosa e dolce – scrive lo zio su Facebook – Per favore pregate per lei nel nome di Yeshua. Le è stata fatta l’iniezione sette giorni fa, era la sua prima iniezione, e la scorsa notte è stata portata in terapia intensiva perché ha accusato un infarto e un’emorragia cerebrale. Grazie per le vostre preghiere. Per favore Yahweh guariscila! Nel nome di Yeshua, Amen”. “Grazie a tutti per le vostre preghiere” scriveva ancora sotto il post lo zio “nessun aggiornamento ancora. Vi terremo aggiornati. Tutto quello che mi è stato detto è che è molto intontita e non molto reattiva, ma è ancora viva”.

Qualche giorno dopo lo zio ha rassicurato i follower che negli scorsi giorni si sono preoccupati della salute della piccola Harper, facendo sentire a lei e alla sua famiglia la loro vicinanza, seppure virtuale. Nel video condiviso dallo zio è possibile vedere la piccola Harper camminare, sebbene con l’aiuto di un’infermiera. “Eccola! Hallelujah! Sta camminando. Continuate a pregare! Amen”, scrive lo zio. “Ultimo aggiornamento: Grazie mille per tutto il vostro sostegno e le vostre preghiere per questa preziosa bambina. Lei è a casa adesso. La sua fedele, amorevole, ben intenzionata mamma è rimasta al suo fianco per tutto il tempo, 9 giorni, non ha mai lasciato la stanza d’ospedale” scrive poi nei commenti al video lo zio di Harper il 5 dicembre. “Harper ha attraversato l’inferno, ma ora sta ricevendo un po’ di sollievo. Aveva perso molto peso, ma ora sta mangiando e dovrebbe riprenderlo, se lo vorrà.
È confermato che il vaccino che aveva ricevuto 7 giorni prima del suo ricovero in ospedale era Pfizer.”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Vangelo e vaccino: il manifesto della Caritas sulla ‘salvezza’ fa discutere

Figli di un dio minore. Al Senato proibito allattare se non sei parlamentare