in

“Il senatore a vita Mario Monti ha lanciato la proposta di un’informazione…”

Pubblicato il 29/11/2021 21:39

Nel corso del weekend, prima in Tv e poi dal palco della Festa dell’Ottimismo (il che è tutto dire), il senatore a vita Mario Monti, ex presidente del Consiglio, che non può di certo parlare a caso, ha lanciato la proposta di un’informazione meno democratica e controllata dal governo, visto che abbiamo già accettato delle limitazioni molto forti. A queste parole gravissime, che rimandano a pagine buie della nostra storia, è seguito il silenzio delle istituzioni. Domanda: e se la censura dei media l’avessero proposta, ad esempio, Salvini e Meloni, cosa sarebbe accaduto?
Siamo ancora in emergenza e fra una settimana scattano misure più restrittive. Il tessuto delle Pmi, e in particolare il comparto Horeca, ossatura economica del Paese, è stato decimato da due anni di chiusure selettive non basate su studi scientifici. Pur in emergenza, il fisco chiede il pagamento concentrato di tutte le cartelle di rottamazione, e non solo. Mario Monti propone il Minculpop, anche in prospettiva di futuri disastri globali della salute (sa qualcosa che noi non conosciamo?). Ecco, dica il cittadino, dica la stampa, che auspichiamo rimanga sempre libera, dove si vuole arrivare unendo tutti questi puntini.

Paolo Bianchini
Presidente dell’associazione di categoria MIO Italia, Movimento Imprese Ospitalità.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Il covid è una malattia pediatrica”: la fake news di Palù

Miocardite e pericardite in associazione ai vaccini a mRNA per COVID-19