in

Il governo taglia ancora sulla scuola: l’ultimo intervento di Draghi, nel silenzio dei sindacati

Pubblicato il 11/04/2022 14:51

Nel silenzio generale dei sindacati, in un momento in cui gli italiani si trovano a fare i conti con le conseguenze delle scelte del governo sul fronte internazionale, la scuola si trova ancora una volta a fare i conti con dei tagli. Nello specifico mezzo punto percentuale, che in valore assoluto rappresenta il 25% della spesa in meno. Un dato che fa riflettere e che emerge in maniera chiara dal Def, il Documento di Economia e Finanza, presentato il 6 aprile e fatto passare in secondo piano da tante testate mainstream.

Come riportato dalla testata Professione Insegnante, dietro questa scelta ci sarebbe, ufficialmente, il calo demografico: “Tuttavia si fa fatica a pensare che nel 2025, data di entrata in vigore della misura riduttiva, ci sarà un calo del 25% degli studenti. Anziché gioire per il calo demografico, forse un governo avrebbe dovuto chiedersi i motivi e come fare per incentivare le famiglie a fare figli in una popolazione che invecchia”.

La linea, insomma, è chiara: una spesa minore della scuola che si accompagna, invece, a maggiori investimenti sugli armamenti. “Ricordiamo che la media della spesa sulla scuola in UE è del 4,7% del PIL. L’Italia era ben al di sotto della media” e a seguito di questa ulteriore riduzione rischia di scivolere presto tra le ultimissime posizioni in Europa. Non proprio un segnale incoraggiante, per usare un eufemismo.

Il tutto mentre i sindacati restano immobili: “Il prossimo passo, definito nel Def è una ulteriore riduzione al 3,3 – 3,4 negli anni successivi al 2025”. Difficile, in un contesto del genere, immaginare che possa scattare il tanto invocato aumento del personale scolastico, più che mai utopico. La scuola, evidentemente, non è tra le priorità di chi ci governa.

Ti potrebbe interessare anche: Cassese: “Basta con le compressioni delle libertà. Se sproporzionate, sono illegittime”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“I termosifoni non fermano i carri armati”: Giarrusso (Italexit) smonta la linea del governo

Il crollo di Biden. Il sondaggio horror che fa la felicità di Trump