in

Il caro bollette si abbatte anche sui Comuni, già pronti ad aumentare le tasse

Pubblicato il 23/11/2021 11:29

Un circolo vizioso che rischia di pesare, e parecchio, sulle tasche delle famiglie italiane, già messe in ginocchio da una crisi economica senza precedenti e alle prese con un Natale che, viste le strette annunciate dal governo, non si preannuncia affatto facile. Con la spiacevole sorpresa di un rincaro bollette ormai alle porte. E che non risparmierà nemmeno i Comuni, pronti a far fronte alla stangata nell’unica maniera possibile: rivalendosi, a loro volta, sui cittadini.

Come raccontato da Fabio Rubini sulla pagine di Libero Quotidiano, infatti, i Comuni hanno subito alzato la testa di fronte all’aumento delle bollette in arrivo. Con l’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) a presentare il conto: “Mezzo miliardo di euro per poter coprire i rincari previsti”. Il governo si trova ora nella situazione di dover mettere mano al portafogli per assecondare la richiesta. In caso contrario ecco che le amministrazioni locali si troverebbero costrette, volenti o nolenti, ad aumentare le imposte nei confronti dei propri cittadini.

Gli italiani, insomma, rischiano di trovarsi fregati due volte, costretti a fare i conti con bollette salate e nuovi istinti predatori dei loro Comuni. L’allarme è stato lanciato dal sindaco di Novara Alessandro Canelli, che nel ruolo di presidente Ifel (Istituto per la finanza ed economia locale) ha parlato in queste ore in audizione presso le Commissioni Bilancio di Camera e Senato, riunite: “Chiediamo attenzione non solo sull’imposta di soggiorno e sulla Tari, ma anche verso gli effetti del caro bollette che si sentono sui bilanci dei Comuni”.

Le stime parlano di un aumento in bollette più o meno del 30% per ogni Comune. “Questo vuol dire – ha spiegato Canelli – che il fabbisogno complessivo nell’arco delle previsioni del triennio 2022-2024 è pari a 2,6 miliardi di euro”. La palla è ora passata al governo, che potrebbe decidere di istituire un fondo ad hoc per aiutare le amministrazioni locali. In caso contrario, saranno come sempre le famiglie italiane a vedersi presentare il conto, salatissimo.

Ti potrebbe interessare anche: Super Green pass, mascherine obbligatorie, terza dose: la stretta del governo per il Natale

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Super Green pass, mascherine obbligatorie, terza dose: la stretta del governo per il Natale

“Invece di ossessionare i cittadini con Green pass e vaccini, Toti non potrebbe occuparsi della sanità?”