in

Grave sindrome neurologica dopo 15 giorni dalla prima dose. Il caso del giovane 18enne

Pubblicato il 26/10/2021 16:43

In questi giorni sta facendo discutere un altro caso associato al vaccino. Questa volta il protagonista del tragico episodio è il giovane 18enne di Sanremo, Riccardo Ventre, ricoverato d’urgenza a Neurologia perchè colpito dalla Sindrome di Guillain-Barré. (Continua dopo la foto)

Sono trascorsi 15 giorni da quando Riccardo ha fatto la prima dose di vaccino Covid-19 e ha iniziato ad avvertire i primi sintomi: all’improvviso si è trovato a non sentire più le gambe e a non reggersi in piedi. Ricoverato subito di urgenza, attualmente viene seguito dal reparto di neurologia Imperia.

Per il momento nulla è da escludere. “Il ragazzo associa quanto accaduto alla somministrazione della prima dose di vaccino Pfizer”, riferisce il sito Saremonews.it.

Dall’ASL 1 imperiese fanno sapere: “Sono in corso indagini e approfondimenti su quanto accaduto per verificare possibili correlazioni. Al momento non escludiamo nulla. Ieri è stata fatta segnalazione all’Aifa.”

Il ragazzo è un soccorritore che lavora sulle ambulanzee e racconta di essersi fatto vaccinare per poter continuare a lavorare ed evitare di doversi sottoporre a tampone ogni 48 ore.

Attraverso il suo profilo Facebook con video e post, il ragazzo racconta di essere sotto osservazione con forti dolori.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Scozia, il fallimento del Green pass valido per locali notturni e concerti. Com’è finita

Il mistero dei bancomat scomparsi. Ecco perchè gli ATM sono sempre meno