in

“Alterazioni del sistema immunitario”, il prof Frajese spiega il clamoroso studio di Nature

Pubblicato il 04/04/2022 10:17

Secondo quanto riportato dal professor Giovanni Frajese, il famoso magazine scientifico inglese Nature ha rilevato il legame tra vaccinazione ed indebolimento nella produzione delle immunoglobuline. In sostanza, il sistema immunitario può subire serie conseguenze dalla vaccinazione ravvicinata. Il dubbio su possibili legami tra vaccino e danni immunitari – che inizialmente solo a porsi il dubbio si veniva tacciati di essere No Vax – è ora di grande attualità nel mondo scientifico. La questione è legata alla tempistica delle vaccinazioni. L’utilizzo in un range temporale eccessivamente breve infatti potrebbe compromettere la capacità delle difese immunitarie con possibili gravi complicazioni. Ora a certificare tale processo potenzialmente lesivo del sistema immunitario è anche la nota rivista Nature. (Continua a leggere dopo la foto)

Come spiega anche RadioRadio, che ha ripreso le parole di Frajese, “queste rappresentano un tassello fondamentale per le nostre difese immunitarie in quanto molecole glicoproteiche prodotte dai linfociti B. Come dunque sembra confermare Nature il legame tra vaccinazione e sistema immunitario è ben lungi dall’essere un’arma del complottismo ma una reale conseguenza scientifica. “Qui non bisogna essere medici o scienziati, ma bisogna utilizzare la logica che ci siamo persi per casa. Una persona che di fatto è sana per quale ragione dovrebbe essere demansionata o non entrare in contatto come se fosse sempre una persona in grado di infettare gli altri. Abbiamo trasformato i non vaccinati in malati permanenti. A livello scientifico le pubblicazioni continuano ad uscire”, attacca Frajese. (Continua a leggere dopo la foto)

Il prof prosegue: “Su Nature è uscito, una settimana fa, un articolo completo sui cambiamenti fisiopatologici e tira fuori che ci sono alterazioni immunologiche dopo la vaccinazione per il Covid-19, questo dovrebbe essere un semaforo giallo se non addirittura rosso su tutta la questione. Una cosa è dire parliamo di protezione e basta, un’altra cosa è, come pubblica una delle riviste scientifiche più importanti, che esiste un’alterazione della produzione nelle immunoglobuline, sostanze che rappresentano il sistema immunitario in quanto tale”. (Continua a leggere dopo il video)

Conclude Frajese: “Cose che sapevamo ma che adesso sono certificate e più complesse di quello che ci aspettavamo. Di fronte a tutto questo chiedere ancora alle persone di vaccinarsi per un virus che c’era due anni e mezzo fa, magari uno che si è preso Omicron sei mesi, per quale ragione? La logica non esiste. Sembra sia solo una questione punitiva. Tu non hai voluto fare ciò che ti avevo paternamente consigliato e allora ti deve punire. Lo stato è diventato padre-padrone che giudica e fa giudicare”.

Fonte: https://www.nature.com/articles/s41421-021-00329-3

Ti potrebbe interessare anche: Lo scandalo delle salme “parcheggiate”. Dopo la denuncia di Italexit il servizio di “Pomeriggio Cinque”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Inopportuno e pericoloso”: il clamoroso attacco di Bassetti al ministro Speranza

Amazon, un altro scandalo: e ora scoppia la rivolta nel Regno Unito. Cosa sta succedendo