in

Quarta dose per tutti, arriva la stroncatura dell’Ema: ecco cosa hanno scritto nelle motivazioni

Pubblicato il 07/04/2022 08:05

“Per gli adulti under 60 con sistema immunitario normale, non ci sono attualmente prove conclusive che la protezione vaccinale contro le malattie gravi stia diminuendo o che ci sia un valore aggiunto di una quarta dose”. La task force Covid-19 dell’Ecdc e dell’Ema ha dunque concluso che è troppo presto per considerare la somministrazione di una quarta dose di vaccini mRna a tutta la popolazione. Come spiega TgCom24, entrambe le agenzie hanno però convenuto che “una quarta dose (o un secondo booster) può essere somministrata agli adulti di età pari o superiore a 80 anni”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ancora non ci sono prove chiare, nell’Unione europea, che la protezione vaccinale contro le malattie gravi stia diminuendo sostanzialmente negli adulti con sistema immunitario normale tra 60 e 79 anni grazie ai vaccini e quindi non vi sono prove chiare a sostegno dell’uso immediato di una quarta dose. All’Agenzia europea del farmaco (Ema) e al Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), sulla fascia 60-79 anni, gli esperti dicono che continueranno a monitorare i dati per determinare se vi sia un rischio crescente di malattia grave tra i vaccinati. (Continua a leggere dopo la foto)

“Se la situazione epidemiologica attuale cambia ed emergono nuovi segnali, potrebbe essere necessario prendere in considerazione una quarta dose in tale fascia d’età. Nel frattempo, le autorità nazionali esamineranno anche i dati locali per decidere se utilizzare una quarta dose nelle persone a rischio più elevato. Dal momento che le campagne di vaccinazione potrebbero iniziare in autunno, le autorità considereranno il momento migliore per le dosi aggiuntive, possibilmente sfruttando i vaccini aggiornati”. (Continua a leggere dopo la foto)

Le prove sugli effetti di una quarta dose provengono in gran parte da Israele, notano le due agenzie nella nota: “I dati indicano che un secondo booster somministrato almeno quattro mesi dopo il primo ripristina i livelli di anticorpi senza sollevare nuovi problemi di sicurezza. I dati suggeriscono anche che un secondo booster fornisce una protezione aggiuntiva contro le malattie gravi, anche se la durata dei benefici non è ancora nota e le prove sono ancora limitate”.

Ti potrebbe interessare anche: Denunciate la vostra bolletta al Garante! Ecco il modulo di Italexit per il ricorso all’Authority

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

L’Ucraina non può vincere nemmeno con gli aiuti. L’analisi che svela l’incontestabile realtà

Vaccinati e contagiati. Emergenza sanitari: scoppia il caso degli ospedali