in

“Ecco che cos’è il Pd oggi”. Cacciari smaschera il Pd e spara a zero: così demolisce il partito di Letta

Pubblicato il 29/03/2022 09:41

Massimo Cacciari torna all’attacco e stavolta mette nel mirino il Partito democratico. Non è la prima volta, certo, ma in questo frangente il suo affondo è ancora più duro. Come è nel suo stile, poi, di certo non le manda a dire. Il tema del contendere è infatti il tema dell’aumento delle spese militari. Una crescita che peserà il 2 per cento del Pil. Tra i tifosi della misura c’è proprio il Pd, che secondo Caccairi “ha portato il cervello all’ammasso”. Non proprio una dichiarazione d’amore insoma… (Continua a leggere dopo la foto)

In un’intervista ad Affaritaliani.it, l’ex sindaco di Venezia spiega che quella di Enrico Letta è “la forza più atlantista e filo-americana del panorama politico italiano e ubbidisce agli ordini di Washington. Siamo di fronte all’eterogenesi dei fini. Questi vengono dal PCI, è la vendetta della storia. C’è anche chi viene dalla tradizione socialista e sappiamo bene quanto Bettino Craxi fosse autonomo in politica estera”. (Continua a leggere dopo la foto)

Non solo, “anche la sinistra della DC aveva posizioni molto particolari e chiare sulla crisi tra israeliani e palestinesi. Invece oggi il Pd è il partito più filo-Usa, sottoscrivono tutto quello che dicono in America immediately”. Quando basta a Cacciari per perdere le staffe: “Tutto ciò è allucinante, totale perdita di memoria storica. Le forze che hanno dato vita al Pd dovrebbero dire ‘abbiamo sbagliato tutto per tutta la nostra vita’”. (Continua a leggere dopo la foto)

E ancora: “Ci siamo dimenticati l’Europa ponte tra Ovest e Est? Qui a prescindere si accetta tutto ciò che dicono a Washington”. Una stoccata a sorpresa quella del filosofo, soprattutto se si considera che – come da lui ammesso – “io non sono mai stato pacifista, so che all’Europa serve l’esercito e bisogna anche spendere soldi. Ma non buttarli via”. Non fa una piega. Chissà come l’avrà presa Letta…

Ti potrebbe interessare anche: “Salviamo i taxi dalle Big Tech”. Italexit in Parlamento a difesa dei lavoratori italiani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Ecco cosa gli serve…”. Così Capezzone fa a pezzi Biden: la durissima analisi in diretta

M5S, Conte di nuovo nel mirino: stavolta c’è di mezzo un affitto da 12 mila euro al mese