in

Covid: disposto il reintegro della prof sospesa. La clamorosa decisione della Rettrice

Pubblicato il 08/03/2022 20:10

Un’altra piccola vittoria per i lavoratori, questa volta in ambito universitario. L’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” revoca la sospensione di una professoressa a seguito di un’istanza di annullamento in autotutela, presentata con il risultato di un tampone positivo.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il racconto dell’avvocato

La professoressa è stata assistita dall’Avvocato Gianluca Piccinni, il quale ci riporta con entusiasmo i dettagli dell’accaduto: «È un’istanza che ho fatto alla Rettrice per annullare la sospensione dall’attività didattica di una professoressa dell’Università la Sapienza di Roma. Ho fatto presente che a seguito del tampone positivo, e del successivo deposito del certificato di guarigione, è venuto meno il presupposto della sospensione, vista l’equiparazione del certificato di guarigione alla vaccinazione».
(Continua a leggere dopo la foto)

Avv. Gianluca Piccinni

Una vittoria particolarmente soddisfacente la sua, ottenuta grazie alla collaborazione della Rettrice nel raggiungere un accordo celere e indolore, senza ricorrere alla giurisdizione ordinaria. Ma c’è di più: «Per annullare la sospensione occorre un provvedimento del Giudice o un provvedimento della stessa autorità che l’ha adottata, a seguito di istanza di autotutela che può essere accolta o meno. In questo caso io ho fatto presente che l’interessata è in possesso di un tampone positivo e che, alla scadenza del termine di quarantena, verrà prodotto il certificato di guarigione. L’Università ha quindi revocato la sospensione nonostante la mia assistita ancora sia in quarantena» racconta l’avvocato.
(Continua a leggere dopo la foto)

L’importanza della decisione

«Si tenga presente che la prof.ssa è ultracinquantenne, quindi il principio stabilito è importante poiché, a prescindere dall’età, ne deriva che il professore universitario può svolgere l’attività anche con il mero certificato di guarigione, che viene ritenuto equivalente alla vaccinazione.» Questo è il tema evidenziato dal legale della professoressa, una volta preso atto della decisione della Rettrice.
(Continua a leggere dopo la foto)

Antonella Polimeni – Rettrice Università degli Studi di Roma “La Sapienza”

La risposta della Rettrice

Riportiamo di seguito la risposta della Rettrice dell’Università:
“Si comunica, a decorrere dall’ 8 marzo 2022, la revoca della sospensione disposta a seguito all’accertamento dell’inadempimento dell’obbligo vaccinale, in quanto dalle verifiche effettuate la S.V. risulta in regola con il predetto obbligo.
La presente è trasmessa anche al Responsabile di struttura per opportuna conoscenza e per gli adempimenti di competenza.
Cordiali saluti.
F.to La Rettrice”

Una storia a lieto fine una volta tanto, che pone l’accento sull’apprezzabile rapidità con cui la Dirigente dell’Ateneo ha provveduto a prendere atto delle istanze della professoressa, revocando di conseguenza una sospensione oggettivamente ingiusta.

Potrebbe interessarti anche: Salvini “pacifista” in Polonia rimedia un figuraccia internazionale. Il video

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Salvini “pacifista” in Polonia rimedia un figuraccia internazionale. Il video

Arrivano le sanzioni di Putin e per l’Italia saranno guai. Cosa sta succedendo