in

Camilla morta a 18 anni dopo il vaccino, scoppia il giallo della cartella clinica. E i pm…

Pubblicato il 28/01/2022 09:11

Svolta nella tragedia della 18enne Camilla Canepa, morta dopo il vaccino anti-Covid. Il personale sanitario dell’ospedale di Lavagna sapeva che Camilla aveva fatto una dose di Astrazeneca, ma non lo hanno inserito nella cartella. È quanto emerso dalle audizioni dei medici fatte dai pubblici ministeri Francesca Rombolà e Stefano Puppo insieme al procuratore Francesco Pinto, che indagano sulla morte della studentessa avvenuta il 10 giugno scorso per una trombosi. Come riporta il Corriere, “la giovane era stata vaccinata durante un open day. I pm avevano convocato i sanitari per verificare come mai nella documentazione clinica del primo ricovero non fosse stato indicato che la giovane aveva ricevuto il vaccino anglo-svedese”. (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo i genitori della ragazza al momento del primo accesso era stato detto. “Inoltre, dalle indagini era emerso che Camilla mandò un messaggio sul cellulare a un conoscente dicendo che la stavano trattenendo in ospedale ‘per il vaccino’. Resta però il giallo sul perché non sia stato scritto nella cartella clinica. Un dettaglio cruciale, quello della mancata indicazione della vaccinazione: al momento del malore della ragazza, infatti esistevano già le linee guida per diagnosticare la Vitt, vale a dire quel tipo di reazione avversa al vaccino. I magistrati invieranno ai consulenti quanto emerso dalle sommarie informazioni dei medici”. (Continua a leggere dopo la foto)

Camilla era stata vaccinata il 25 maggio e il 3 giugno era andata all’ospedale di Lavagna per “una fortissima cefalea e fotosensibilità”. La giovane era stata dimessa l’indomani, dopo una tac senza contrasto, nonostante le piastrine fossero in forte discesa. Era ritornata allo stesso ospedale il 5 giugno in condizioni disperate per una trombosi. “Trasferita al policlinico San Martino di Genova era stata operata alla testa, morendo però il 10 giugno. Nel secondo accesso all’ospedale di Lavagna la vaccinazione era stata indicata. Le prime linee guida per diagnosticare la Vitt prevedevano di procedere con una tac con liquido di contrasto tra gli accertamenti”.

Ti potrebbe interessare anche: Celentano spiazza tutti: video-bomba contro i conduttori “oscurantisti” e il “pensiero dominante”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

BABY CONTROLLORI E NUOVI BALILLA: PROVE TECNICHE DI REGIME?

Muore dopo il parto, la rabbia dei genitori di Adriana: “Le hanno negato le cure perché non vaccinata”