in

Bollette, guerra e sciopero dei camion: pastifici in ginocchio. Pasta, nuovi aumenti in arrivo

Pubblicato il 03/03/2022 16:22 - Aggiornato il 03/08/2022 14:06

Il governo, in controtendenza con il resto d’Europa, si occupa di emergenza Covid e procrastina l’odioso green pass, discriminatorio e inutile. Nel frattempo, nel mondo reale la crisi energetica, il caro bollette e i venti di guerra dall’Est penalizzano gli imprenditori, i ristoratori, i trasportatori. E pesano come un macigno sulle finanze delle famiglie già allo stremo. Ora tocca ai produttori di uno dei beni alimentari più amati e consumati dagli italiani lanciare l’allarme. A rischio infatti ci sono le forniture di pasta. In questi giorni un importante pastificio, La Molisana di Campobasso, ha annunciato il blocco totale della produzione. A portare a questa decisione ha contribuito lo sciopero dei camionisti.

(Continua dopo la foto)

I trasportatori protestano contro un caro prezzi che costringe molti di loro a lavorare senza guadagno. O addirittura in perdita. Le conseguenze si fanno sentire per tutti i comparti economici e del commercio. “I nostri camionisti non possono uscire dallo stabilimento perché verrebbero fermati dai loro colleghi che stanno bloccando strade e autostrade”, ha spiegato al Corriere della Sera l’ad di Molisana Giuseppe Ferro. Sottolineando come anche altre aziende potrebbero prendere la stessa decisione, perché non possono produrre né distribuire la loro merce.

(continua dopo la foto)

Tutto questo, inevitabilmente, avrà come conseguenza l’aumento dei prezzi al consumo. Un altro duro colpo alle tasche degli italiani, già provati dalla crisi e dagli aumenti monstre della benzina, della luce e del gas. Anche Vincenzo Divella, ad dell’omonimo gruppo di Rutigliano, parla di prezzi in salita: l’aumento potrebbe arrivare a 10 centesimi al chilo sui pacchi di pasta. Questo anche a causa della diminuzione di rifornimenti di grano dalla Russia. Mentre Draghi procede a colpi di fiducia e stati di emergenza, gli italiani sprofondano in una crisi economica e sociale senza precedenti. Nell’indifferenza di chi dovrebbe proteggerli.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Il Covid tornerà con nuove varianti”: la profezia di Ricciardi, ecco cosa ci aspetta

Il Green Pass era solo l’inizio. Il Governo esce allo scoperto: ecco cosa stanno architettando gli uomini di Draghi