in

Basta No Vax in tv: Berlusconi punta al Quirinale e non vuole seccature nella “sua” Mediaset

Pubblicato il 02/12/2021 10:49 - Aggiornato il 03/08/2022 14:35

Cosa sta succedendo, in queste ore concitate, dalla parti di Mediaset? A tenere banco nelle ultime ore è stato il caso dei programmi Fuori dal Coro, il talk show di Mario Giordano, e Dritto e Rovescio di Paolo Del Debbio. Entrambi improvvisamente scomparsi, tanto che alcune testate avevano già parlato di una possibile sospensione delle trasmissioni fino a data da destinarsi. Un mistero che ha spinto la stessa azienda, alla fine, a intervenire. E che sembra legato fortemente al sogno proibito di Silvio Berlusconi, entrare da padrone di casa nelle stanze del Quirinale.

Mediast è scesa in campo per chiarire che tanto Fuori dal Coro quanto Dritto e Rovescio non sono stati, in realtà, sospesi, ma semplicemente posticipati a dopo le festività natalizie. Uno stop momentaneo, dunque, che fa sorgere però più di un interrogativo: perché bloccare due programmi del genere proprio in un momento in cui, con l’introduzione del Super Green pass, la tensione è alta, la rabbia di una parte della popolazione italiana pure e gli argomenti di discussione non mancano di certo? Qui si arriva al punto centrale della questione: la corsa di Silvio Berlusconi alla successione di Sergio Mattarella nei panni di presidente della Repubblica.

Come raccontato da Repubblica, infatti, tra le poche certezze di questa vicenda ci sarebbe l’umore nero di Silvio Berlusconi per il troppo spazio dato ai No Vax all’interno delle trasmissioni in onda sulle reti Mediaset. Fuori luogo, a detta del Cavaliere, in un momento in cui il governo (appoggiato dalla stessa Forza Italia) ha varato l’ennesima stretta a danno degli italiani, con l’introduzione del Super Green pass. E potenzialmente pericolosissimo per la reputazione dell’ex premier, impegnato nella difficile impresa di lavarsi via di dosso ogni macchia presente e passata per presentarsi come legittimo candidato al Colle.

Da qui, l’invito che secondo Repubblica Berlusconi avrebbe rivolto ai suoi, pur senza intervenire direttamente sui palinsesti: i No Vax sono un pericolo per la salute e per la ripresa e per questo non va dato loro alcun microfono, alcuna cassa di risonanza. Il rischio, in caso contrario, è che qualche storico detrattore del Cavaliere possa approfittare proprio dei contenuti dei programmi Mediaset per partire ancora una volta alla carica, minando così quella credibilità che il leader di Forza Italia sta tentando con fatica di cementare.

Ti potrebbe interessare anche: “Invece di ossessionare i cittadini con Green pass e vaccini, Toti non potrebbe occuparsi della sanità?”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Vaccino e rischio di miocarditi negli adolescenti. Il nuovo studio choc

Lampedusa, Lamorgese e Speranza abbandonano gli agenti: “Qui la variante non esiste?”