in

Arriverà il green pass per i bambini? Ecco la folle proposta

Pubblicato il 09/11/2021 18:51

Dato che non si può rendere obbligatorio il vaccino per gli adulti, figuriamoci per i bambini, e Sileri ha già previsto “resistenze” sul punto, il governo correi ai ripari cercando un altro modo di obbligare (senza obbligare) le famiglie a inoculare i minori. E ciò che funziona per i grandi dovrebbe funzionare per i più piccoli. Quindi si è arrivati a parlare di Green pass per i bambini.

L’Istituto superiore di sanità non si pronuncerà sulla vaccinazione agli under 12 fino all’approvazione del vaccino Pfizer (a metà dicembre), ma in Parlamento la tensione è già alta. Se Forza Italia e Pd sono infatti pronti ad adottare tutte le misure necessarie per far vaccinare anche quella fascia di età, Fratelli d’Italia continua ad essere è contro qualsiasi obbligo e Matteo Salvini non si esprime anche se in passato si è detto più volte contrario all’obbligo vaccinale per i 12enni.

Dunque, secondo quanto riporta Il Giornale, l’ipotesi folle che starebbe prendendo piede sarebbe quella di creare un green pass per i bambini. Ma non per entrare a scuola (il diritto allo studio è ancora, pare, sacro) bensì per accedere alle attività esterne alla scuola, e cioè quelle dell’offerta extra formativa. Va da sé che di fronte a questo aut aut, i presidi temono di disincentivare le famiglie a iscrivere a tali attività. Questione di non secondaria importanza è , poi, quella legata alla privacy: se chi non è vaccinato rimane fuori, la privacy va a farsi benedire e si preavvisa anche una certa discriminazione.

La Fda americana ha concluso che il vaccino «porta più benefici che rischi» e sostiene che gli effetti collaterali finora sono stati minimi. Restano comunque i numeri e i dati, scarsamente interpretabili: il vaccino finora è stato studiato solo su 2.300 bambini tra i 5 e gli 11 anni. Può essere definito così sicuro da arrivare, per imporlo, a un green pass per i più piccoli?

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Militari, poliziotti e non solo: ecco le categorie per le quali si valuta l’obbligo vaccinale

Se ti vaccini ottieni minuti gratis nel bordello: ecco un nuovo “incentivo”