in

Vaccino ai bambini, si procede spediti. L’Aifa: “Ok dal 29 novembre”. E sulla pillola anti-Covid…

Pubblicato il 18/11/2021 08:06

Si parla sempre più della pillola per curare il Covid. Anche l’Italia si muove e ora l’Aifa fa sapere che dovrebbe arrivare da noi dopo Natale. Entro fine novembre, invece, arriverà il semaforo verde dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) per somministrare il vaccino ai bambini dai 5 agli 11 anni. A dirlo a “e-VENTI” su Sky TG24 è Nicola Magrini, il direttore generale dell’Aifa: “A fine mese, probabilmente il 29 novembre, Ema deciderà su questa fascia d’età e probabilmente il responso sarà positivo per l’autorizzazione”, ha dichiarato. (Continua a leggere dopo la foto)

Dunque si andrà avanti spediti con l’inoculazione ai bambini, malgrado l’assenza di dati specifici e malgrado su questo punto la comunità scientifica sia ancora più spaccata. Ad esempio il professor Crisanti è tra quelli che chiede di aspettare e monitorare prima i risultati della campagna vaccinale in corso in Israele proprio su quella fascia d’età. Appelli caduti nel vuoto, il vaccinismo deve proseguire a ritmo serrato senza guardare statistiche, evidenze scientifiche e dati. (Continua a leggere dopo la foto)

parlando ancora del vaccino per gli under 12, ha sostenuto Magrini: “Questa fascia di popolazione ne trarrà beneficio. Non è solo per solidarietà o per ridurre la circolazione del virus che si fa. Andrà fatta una campagna informativa a riguardo, con tutto il garbo e la gradualità necessarie, per far capire a tutti il beneficio dei vaccini sui bambini. Gli studi sono sufficientemente ampi per dare dei dati sicuri di risposta immunitaria. Per la sua attuazione il coinvolgimento di pediatri e medici di famiglia sarà molto importante. La fiducia che occorre generare in tutti va progressivamente costruita”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ha aggiunto il direttore dell’Aifa: “Poi arriveranno le politiche nazionali, in che modo l’Italia realizzerà la vaccinazione per questa fascia di popolazione”. La disponibilità della pillola anti-Covid ci sarà “nelle settimane successive al Natale. Ci siamo attivati affinché la prenotazione di questi farmaci orali ci sia il prima possibile, e abbiamo stretto accordi in tal senso in questi giorni”, ha dichiarato Magrini. I due farmaci in questione sono quello dell’azienda farmaceutica Merck e quello di Pfizer.

Ti potrebbe interessare anche: Paragone: “Gravissimo che demonizzino i genitori che non vaccinano i figli”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Nomine Rai, M5S rimane con un palmo di naso. E Conte non la prende bene: “Non andremo più nei vostri canali”

Governatori e politici, la sadica gara fra vaxisti a colpire i Free Vax