in

“350 euro a profugo ucraino”. Parte il business dell’accoglienza. La decisione del Governo

Pubblicato il 29/03/2022 20:22

Per ogni profugo ucraino adulto, titolare della protezione temporanea, verrà stanziato un importo tra i 300 ed i 350 euro. Per ogni minore la cifra si aggira sui 150 euro, stavolta senza alcuna limitazione. Queste le direttive previste dalle nuove ordinanze.
(Continua a leggere dopo la foto)

Le ordinanze della Protezione Civile

Facendo un piccolo calcolo, per un nucleo familiare composto da un adulto e due bambini, l’importo stanziato dalle casse dello Stato potrebbe arrivare a circa 600 euro, mentre se i minori fossero quattro allora si salirebbe a 900 euro. Secondo quanto appreso, sarebbe questa l’entità del contributo di autonoma sistemazione previsto dalle ordinanze della Protezione Civile. Queste definiranno anche le modalità di assistenza alla persona per chi fugge dalla guerra e dovrebbero essere firmate entro la giornata di domani 29 marzo.
(Continua a leggere dopo la foto)

I dettagli

Entrando nel dettaglio, il decreto dovrebbe stabilire che il contributo di autonoma sistemazione potrà essere erogato per un massimo di 60 mila persone e per non più di 90 giorni. Altra cosa è, invece, l’accoglienza diffusa, che riguarda 15 mila persone e dovrebbe essere erogata alle associazioni del terzo settore nella cifra stabilita di 30 euro a persona. Come verrà impegnata la somma sarà a discrezione delle stesse organizzazioni, con un ventaglio di possibilità che comprende il percorso di integrazione oppure elargirli alle famiglie ospitanti, ove ce ne fossero.
(Continua a leggere dopo la foto)

Le cifre

Il decreto stanzia complessivamente la somma di 348 milioni di euro per l’integrazione. Di questi 152 andranno alle Regioni come contributo forfettario per l’accesso dei profughi al sistema sanitario. I rimanenti 196 milioni sono a bilancio per l’autonoma sistemazione e per l’accoglienza diffusa. Fino a ieri i profughi ucraini in Italia erano 73.898. Le città principali di accesso sono Milano, Roma, Napoli e Bologna.

Potrebbe interessarti anche: “Riduzione significativa delle attività militari”. Spiragli (concreti) di pace in Ucraina

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Riduzione significativa delle attività militari”. Spiragli (concreti) di pace in Ucraina

‘Ecco come spostano l’attenzione pubblica per nascondere la verità’. Vittime Covid, la denuncia dei parenti