in

20enne muore durante il turno di lavoro. Un “malore improvviso” miete un’altra giovane vittima

Pubblicato il 02/05/2022 19:25 - Aggiornato il 03/08/2022 13:46

Raoul Biagiotti si è accasciato al suolo per un malore improvviso durante il turno di lavoro. A nulla è valsa la corsa in ospedale ed il conseguente trasferimento in neurochirurgia, il responso è stato il più terribile. Raoul non ce l’ha fatta. È scomparso a soli venti anni per un aneurisma mentre stava lavorando come cameriere alla Capannina di Franceschi, a Forte dei Marmi. Per l’Asl non è necessario procedere con una autopsia: le cause della morte sarebbero da imputare ad aneurisma, che avrebbe provocato un versamento di sangue a livello cerebrale.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il malore improvviso alla Capannina

Il giovane ragazzo era originario di Capannori e lavorava come cameriere alla Capannina. Nel celebre locale della Versilia ci si aspettava il pienone per il weekend del Primo maggio, il ventenne era pronto a svolgere il suo lavoro, ma qualcosa è andato storto. Verso le 3 di notte si è di colpo sentito male, cadendo a terra. I soccorsi sono arrivati poco dopo e i sanitari inviati dal 118 hanno provato subito a rianimarlo, ma Raoul è andato in arresto cardiaco e la situazione si è subito mostrata complicata. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Forte dei Marmi.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il trasferimento in ospedale

L’ambulanza lo ha portato con urgenza all’ospedale Versilia, dove i medici hanno confermato la terribile diagnosi: forte emorragia cerebrale. Alla luce della situazione particolarmente delicata viene disposto il trasferimento al reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Livorno. I medici in servizio all’ospedale hanno provato per ore a rianimarlo, purtroppo senza successo. Nel tardo pomeriggio di domenica 1 maggio Raoul Biagiotti è venuto a mancare.
(Continua a leggere dopo la foto)

Un ragazzo esemplare

Stando a una prima ricostruzione, non ci sono state avvisaglie per il malore del ventenne. Il ragazzo non beveva né fumava, da tutti ricordato come un giovane esemplare, anche sul luogo di lavoro. Il dolore della madre attraverso una foto ricordo su Facebook: «Odiavi questa foto, mentre io la trovo meravigliosa. Nonostante il dolore della perdita ti assicuro che ripercorrerei tutto il viaggio assieme a te… è stato un vero onore e privilegio conoscerti. La tua mamma». In molti ad essere colpiti dalla tragica scomparsa di Raoul. Il ragazzo era molto conosciuto, la sua vita si svolgeva tra volontariato, musica e lavoro. La tragedia ha gettato nel dolore l’intera comunità oltre che la famiglia: lo piangono il papà, la mamma e un fratello e una sorella.

Potrebbe interessarti anche: Medicina alternativa, ultimi in Europa. Ecco perché l’Italia la ignora

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Medicina alternativa, ultimi in Europa. Ecco perché l’Italia la ignora

Torna il Mes (come vi abbiamo sempre detto). Ecco come l’Europa ci vuole intrappolare