in

Trasporti pubblici gratuiti per le periferie? Ti piace l’iniziativa del sindaco di Boston? Partecipa al sondaggio

Pubblicato il 23/06/2022 16:14

Nove mesi fa, gli elettori di Boston hanno votato un sindaco che ha fatto la storia. Figlia di immigrati taiwanesi, Michelle Wu è diventata la prima donna, prima persona di colore, prima madre e primo millennial eletta a dirigere la città di Boston.

Ora sta facendo notizia per un altro motivo: sostenere il trasporto pubblico gratuito come parte di una più ampia attenzione all’accessibilità e con attenzione alla lotta alle emissioni di carbonio. A marzo, la città ha abbandonato la tariffa di $1,70 per tre linee di autobus che servono prevalentemente aree a basso reddito e persone di colore. Tra le preoccupazioni di bilancio, la città utilizzerà un fondo di soccorso per Covid-19 per compensare gli 8 milioni di dollari di entrate mancate. Il numero di passeggeri sulla prima linea di autobus gratuita è aumentato del 48%, passando da 47.000 a 70.000 passeggeri settimanali.

A security officer of the Transport company ATM controls the exit of passengers from a bus on the first day of phase 2 of the Coronavirus emergency in Milan, Italy, 04 May 2020. The Italian government is gradually lifting the lockdown restrictions that were implemented to stem the widespread of the Sars-Cov-2 coronavirus causing the Covid-19 disease. Fom 04 May on, the country’s population will be again allowed to move around their region, among others. More restrictions are set to be lifted on 18 May and 01 June 2020. ANSA/ MOURAD BALTI TOUATI

Trasporti pubblici gratuiti per le periferie? Ti piace l’iniziativa del sindaco di Boston? Partecipa al sondaggio di Italexit e facci sapere come la pensi.

Trasporti pubblici gratuiti per le periferie? Ti piace l’iniziativa del sindaco di Boston? Partecipa al sondaggio
379 votes
-->

Muore a 25 anni la stella del basket: l’ennesima “tragedia inspiegabile” che sconvolge lo sport

“Mascherine come fossero occhiali da sole”. Il virologo la spara grossa e scoppia la polemica