in

“Senza il mio fornitore sarei morto di fame. Ho lavorato solo un mese con fatturati ridicoli. Come devo fare?”

Pubblicato il 17/03/2021 11:05 - Aggiornato il 17/03/2021 11:18

Di seguito riportiamo una lettera inviataci da uno dei nostri lettori.

“Buongiorno Gianluigi, spero che leggerai questo messaggio. Io sono titolare di partita IVA, gestisco un piccolo bar in un paesino di 4.000 abitanti in provincia di Cosenza.

Parlano di ristori e dicono che li riceverà solo chi ha avuto perdite nel 2020 del 33 percento rispetto al 2019. Io avevo una perdita di quasi il 50 per cento,e mi sarei portato a casa solo 4.000 euro di utili in tutto l’anno.

Un fornitore mi ha aiutato anticipandomi i premi che di solito prendo a fine anno e me li ha anticipati per tre anni, ma questi 9.000 euro che mi ha anticipato in sconto merce io glieli ho dovuti fatturare, cosicché la mia perdita annuale è stata ‘solo’ del 30 per cento.

Senza il mio fornitore sarei morto di fame. Ora da inizio anno ho lavorato solo un mese fino alle 18 con fatturati ridicoli, da ieri siamo di nuovo chiusi. Siccome, dicono loro, ci deve essere questa perdita di fatturato, come dovrò fare?”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Quel modulo inquietante da compilare prima di ricevere il vaccino AstraZeneca

L’Ue ci dice anche come parlare: arriva un nuovo “glossario inclusivo”