in

“Vaccineremo il più possibile”. Vaiolo delle scimmie, per la prima volta uno Stato dichiara l’emergenza

Pubblicato il 02/08/2022 18:01

Il sindaco di New York City, Eric Adams, ha dichiarato nella giornata di ieri lo stato di emergenza per l’epidemia di vaiolo delle scimmie, che nella metropoli ha infettato più di 1.200 persone, rappresentando un quarto di tutti i casi a livello nazionale. Come riporta Foxnews, Adams ha affermato che il suo provvedimento moltiplicherà gli sforzi della città “per educare, vaccinare, testare e curare il maggior numero possibile di newyorkesi e garantire una risposta dell’intero governo a questo focolaio”. Lo stato di emergenza di Adams gli consentirà di sospendere le leggi locali e attuare nuove norme sanitarie. Ma gli abitanti di NYC non saranno gli unici a dover digerire un nuovo stato d’emergenza.
(Continua a leggere dopo la foto)

L’intero Illinois dichiara lo stato d’eccezione

Sempre lunedì, il governatore dell’Illinois, JB Pritzker, ha rilasciato una dichiarazione di emergenza sanitaria in risposta al virus del vaiolo delle scimmie: “Abbiamo visto questo virus avere un impatto sproporzionato sulla comunità LGBTQ+ nella sua diffusione iniziale”, ha affermato Pritzker in una nota. “In Illinois, faremo in modo che la nostra comunità LGBTQ+ disponga delle risorse di cui hanno bisogno per stare al sicuro, assicurandoci che i membri non siano stigmatizzati mentre accedono all’assistenza sanitaria critica“.
(Continua a leggere dopo il tweet)

Stato d’emergenza anche in California

A seguire, anche lo stato della California ripiomba in condizioni d’eccezione, dove anche il governatore Gavin Newsom ha dichiarato ieri lo stato di emergenza per poter affrontare gli sforzi di vaccinazione dello stato. La proclamazione di tale misura sosterrà il lavoro del Dipartimento della salute pubblica della California e dell’amministrazione per coordinare la risposta dell’intero governo al vaiolo delle scimmie, cercare ulteriori vaccini e guidare gli sforzi di sensibilizzazione e istruzione sull’accesso ai vaccini e alle cure. “La California sta lavorando urgentemente a tutti i livelli di governo per rallentare la diffusione del vaiolo delle scimmie, sfruttando i nostri solidi test, la tracciabilità dei contatti e le partnership con la comunità rafforzate durante la pandemia per garantire che le persone più a rischio siano il nostro obiettivo per i vaccini, il trattamento e la sensibilizzazione“, ha affermato Governatore Newsom.
(Continua a leggere dopo la foto)

Morta un’emergenza se ne fa un’altra

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato il vaiolo delle scimmie un’emergenza sanitaria globale il 23 luglio. Giovedì scorso il sindaco di San Francisco ha annunciato lo stato di emergenza per il numero crescente di casi. Per espandere gli sforzi di vaccinazione, la proclamazione consente al personale dei servizi medici di emergenza (EMS) di somministrare vaccini contro il vaiolo delle scimmie approvati dalla FDA, in modo simile all’autorizzazione legale recentemente emanata per i farmacisti per la somministrazione di vaccini. La risposta dello stato al vaiolo delle scimmie si basa sull’infrastruttura sviluppata durante la pandemia di COVID-19 per distribuire cliniche vaccinali e garantire una sensibilizzazione inclusiva e mirata in collaborazione con organizzazioni locali e comunitarie. Insomma, si ricomincia.

Potrebbe interessarti anche: Addio Green Pass e confinamenti. Un Paese europeo saluta le ultime restrizioni in materia di Covid. Cosa cambierà

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Addio Green Pass e confinamenti. Un Paese europeo saluta le ultime restrizioni in materia di Covid. Cosa cambierà

«Difese immunitarie a rischio». La rivelazione del professore che certifica la pericolosità dei booster