in

“Il partito dell’odio e della divisione”. Elon Musk, il suo tweet terremota la politica USA

Pubblicato il 19/05/2022 20:42 - Aggiornato il 19/05/2022 20:44

Elon Musk cambia sponda. La notizia ha scosso l’intera politica americana. Il super imprenditore statunitense ha annunciato di voler abbandonare il Partito Democratico statunitense, esplicitando che alle prossime elezioni voterà per il Partito Repubblicano. Ma non è tutto.
(Continua a leggere dopo la foto)

Parole al veleno per i Dem

Il patron di Tesla e SpaceX si è spinto ben oltre il cambio di preferenza, lanciando dal web parole al veleno per i Democratici, rei di aver organizzato una campagna d’odio e diffamazione nei suoi confronti. Il tutto mentre si avvicinano le elezioni di Midterm, in programma a novembre. Una vera e propria bomba politica la sua.
(Continua a leggere dopo il tweet)

L’annuncio su Twitter

Elon Musk aveva esposto la sua previsione sugli attacchi politici che starebbero per arrivare contro di lui, scrivendo «Gli attacchi politici contro di me aumenteranno drammaticamente nei prossimi mesi». Ora il suo tweet mette una vera e propria pietra tombale sul Partito Democratico americano, già in netta discesa nei sondaggi. Sul profilo da 94 milioni di follower si legge: «In passato ho votato democratico perché erano (per lo più) il partito della gentilezza. Ma sono diventati il partito della divisione e dell’odio, quindi non posso più sostenerli e voterò repubblicano. Ora, guardate la campagna di giochi sporchi che lanceranno contro di me…».
(Continua a leggere dopo il tweet)

Il potere dei social

Che Musk abbia un reach elevatissimo è chiaro, già in passato era riuscito a movimentare il mercato delle criptovalute soltanto attraverso brevi tweet. Chissà che ora non riesca a cambiare anche le sorti politiche del governo statunitense…

Potrebbe interessarti anche: “Ma l’ha scritto Di Maio?”. La Farnesina scambia un Paese per un altro e scatena l’ironia di Twitter

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Ma l’ha scritto Di Maio?”. La Farnesina scambia un Paese per un altro e scatena l’ironia di Twitter

Censura sulla guerra in tv: il piano di Rai e Parlamento per silenziare contenuti e ospiti sgraditi