in

La Danimarca ritira la Legge per la vaccinazione obbligatoria

Mentre in Italia il leader di ItalExit si è fatto portavoce delle istanze di chi non vuole che si arrivi all’obbligo di vaccinazione, in Danimarca è stata appena ritirata una legge che avrebbe dato alle autorità il potere di iniettare con la forza alle persone un vaccino contro il coronavirus è stata abbandonata dopo nove giorni di proteste pubbliche. La “legge sull’epidemia” avrebbe conferito al governo danese il potere di emanare misure di quarantena obbligatorie contro chiunque fosse infettato da una malattia pericolosa, ma è stata la parte relativa alle vaccinazioni che ha causato il più grande clamore. (Continua a leggere dopo la foto)

Dopo 9 giorni di proteste – riporta scenarieconomici.it – il governo ha dovuto ritirare una proposta che, se approvata, avrebbe autorizzato le forze dell’ordine ad imporre esami, vaccini e quarantene forzose, oltre la definizione di diverse categorie a rischio da sottoporre a restrizioni. le proteste hanno avuto ragione di queste politiche restrittive ed il Governo di Copenhagen ha dovuto fare retromarcia. I sondaggi, un po’ in tutti i paesi, indicano una notevole diffidenza nei vari vaccini proposti contro il covid-19. (Continua a leggere dopo la foto)

Un recente sondaggio in Italia parlava del solo 46% disposto a vaccinarsi. il problema è che governi e perfino scienziati si sono rivelati troppo legati gli uni agli altri e troppo pasticcioni perchè la gente possa avere fiducia. Le compagnie aeree ed i venditori di biglietti degli eventi pensano di obbligare chi voglia viaggiare o vedere un concerto a vaccinarsi. Attenzione che questa misura rischia di essere un grosso boomerang. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Meno chiusure e meno morti: ora i dati danno ragione alla Svezia. Il modello vincente

“Non abbiamo più le forze per andare avanti! Pretendiamo dignità e di riavere il diritto al lavoro”

Ecco come vi smonto la retorica del vaccino obbligatorio