Vai al contenuto

“Venite siamo qui!” Tre bimbe mostrano la scritta ‘Help’ dal balcone: il padre stava picchiando la madre

Pubblicato il 28/11/2023 20:51

La notizia preoccupante proviene da Reggio Calabria, dove gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno arrestato un individuo di 47 anni in flagranza di reato. L’uomo è accusato di maltrattamenti in famiglia nei confronti della moglie. A segnalare la violenza alle autorità sono state le tre figlie della coppia, che hanno mostrato un cartello con la scritta “Help” dal balcone di casa. Pare che sia stata la donna, vittima di violenza, a segnalare per prima l’episodio alle forze dell’ordine, dichiarando di essere stata picchiata dal marito. (Continua dopo la foto)

L’uomo, evidentemente ubriaco, cercava di impedire alla moglie di andare a lavorare e di lasciare la casa. Quando gli agenti sono arrivati, hanno notato le tre bambine sul balcone che gridavano “venite, venite, siamo qui”. Una di loro aveva anche un cartello con scritto in inglese “Help”. Le tre bambine hanno rispettivamente 12, 10 e 8 anni. I poliziotti sono intervenuti entrando nell’appartamento e fermando l’uomo, che in passato aveva già ricevuto una misura di divieto di avvicinamento alla moglie. (Continua dopo la foto)

Si apprende che l’ultima aggressione del marito contro la moglie è stata scatenata da motivi futili, come la richiesta di raccogliere la cenere di una sigaretta buttata a terra dall’uomo. Mentre la donna parlava con gli agenti, le figlie mimavano il noto segnale silenzioso di aiuto per le donne vittime di violenza, il cosiddetto “signal for help”.