in

Si scrive PD si legge censura. Ucraina, attacco ai giornalisti che non si adeguano. Il caso

Nella follia di questi giorni concitati seguiti all’attacco di Vladimir Putin all’Ucraina, in cui la classe politica italiana non ha perso occasione di distinguersi in negativo, succede anche di incappare in vicende come la messa alla gogna del giornalista Rai Marc Iannaro, accusato addirittura di aver fatto propaganda a favore del leader russo. Il motivo? Una frase “politicamente scorretta” che ha fatto insorgere il popolo della sinistra, evidentemente molto più concentrato su questioni del genere che sulle reali problematiche internazionali.

Come riportato dal Fatto Quotidiano, Iannaro era in collegamento con lo studio della trasmissione di approfondimento del Tg2 condotta da Manuela Moreno quando ha detto: “Gli europei scontano una totale assenza di memoria storica e di comprensione delle dinamiche più profonde che ha subito la Russia nell’ultimo secolo e negli ultimi trent’anni. Basta guardare la cartina geografica per rendersi conto che chi si è allargato negli ultimi trent’anni non è stata la Russia, è stata la Nato”. Il Pd è subito insorto.

Seecondo quanto riportato da Repubblica, particolarmente infastidito dalla presunta linea filorussa della Rai sarebbe addirittura il segretario dem Enrico Letta. Con Iannaro che potrebbe presto farne le spese, visto che secondo il quotidiano nei corridoi Rai si parlerebbe ormai della necessità di “cambiare il corrispondente da Mosca”, che come gli altri non dipende dalla testata ma è nominato direttamente dall’azienda.

Un intervento deciso, quello dei dem, e difficile da giustificare. Perché di fatto l’espansione della Nato verso est è una realtà. Questo non giustifica l’intervento militare di Putin, anzi. Ma è un passaggio chiave per capire quanto sta accadendo e non può essere nascosto come cenere sotto il tappeto. Attaccare un giornalista e chiederne la rimozione per aver semplicemente raccontato un fatto è inaccettabile, in una democrazia. E dà ancora una volta il polso di una sinistra dalle pericolose tendenze autoritarie.

Ti potrebbe interessare anche: Cassese: “Basta con le compressioni delle libertà. Se sproporzionate, sono illegittime”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Discriminati”. Ucraina, la denuncia dei cittadini di colore. Cosa sta succedendo alle frontiere

Figliuolo esce dalla porta e rientra dalla finestra: il nuovo ruolo del commissario all’emergenza Covid