in

“Se mi viene tolto il diritto di lavorare, perchè io ho il dovere di pagare?”

Pubblicato il 12/04/2021 14:53

Di seguito riportiamo una delle numerose lettere di testimonianza che riceviamo dai nostri lettori.

Buonasera, sono Silvia Abbate e ho 25 anni. Nell’aprile del 2019, apro il mio Cocktails bar, Cocktails and Dreams a Varese. Essendo la mia prima attività, decido di iniziare con una gestione.

Ovviamente non mi aspettavo di andare bene da subito, sapevo che i miei impegni sarebbero stati ripagati in un tempo più lungo, come negli investimenti. Comunque ho deciso di darmi da fare e mettermi in gioco. (Continua dopo la foto)

Storia risentita 4829472 volte, arriva il covid… distruzione. Be, se devo dirla tutta quei tre mesi di lockdown mi sono serviti per rimboccarmi le maniche e studiare meglio il mio locale. Introduco panini e propongo una drink list nuova (studiata, disegnata personalmente da me). Combatto il lockdown con i primi drink sottovuoto.

Riapriamo a maggio, inaspettatamente lavoro molto di più di come mi ero immaginata. Tutto quello che avevo introdotto mi ha aiutata nel 2020 a lavorare come mi ero prefissata. A fidelizzare clienti nuovi, confermarne altri.

Premetto che sono un locale prettamente serale, apro alle 16:00, fino le 2:00/4:00 di notte.. Ad ottobre 2020, la chiusura dei locali viene imposta alle ore 23. Mi dico “vabbè, i miei clienti al posto di venire più tardi, mangiano e bevono qua”, cerco di guardare il lato positivo. Chiusura alle ore 18:00, inizio a non vedere il lato positivo.
C’è da dire, i ristori iniziali mi hanno aiutata si, a pagare conguagli, 1.000 euro di spazzatura, contributi, mezzo affitto. (Continua dopo la foto)

Oggi invece, ricevo la bella notizia che (le allego mail del mio commercialista), non posso avere i ristori, semplicemente perché non ho avuto una perdita del 30%. E sa qual è la mia colpa? Aver visto il lato positivo, essermi impegnata di più, aver battuto di più probabilmente. Allora mi chiedo, se mi viene tolto il DIRITTO di lavorare, perché io ho il DOVERE di pagare? 

Nella mia prima drink list c’era la frase: “Ripeto a me stesso le solite parole, chi abbandona i propri sogni muore” e mi hanno spenta…

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Siamo venuti a Roma per manifestare, ma ci stanno bloccando! Aiutateci e condividete”

La benda per l’interrogazione. La richiesta “repressiva” della professoressa