in

“Riappropriamoci del nostro Paese”. Il vice Questore Schilirò annuncia la sua candidatura con Italexit

Pubblicato il 03/08/2022 16:16

Il vice Questore di Roma, Nunzia Alessandra Schilirò, si candiderà con Italexit. Nel settembre 2021, parlò dal palco dei No Green Pass contestando il Certificato Verde italiano e dichiarandolo «illegittimo». Per questo e per altre sue iniziative su Facebook e Telegram, la Schilirò ha ricevuto una serie di provvedimenti disciplinari. L’ultimo a metà luglio le ha confermato la sospensione dalla carica per altri sei mesi. Ora ha deciso di scendere in campo per cambiare l’Italia assieme a Gianluigi Paragone.
(Continua a leggere dopo la foto)

Oggi, come annuncia lei stessa in un video su YouTube, si candida con Italexit di Gianluigi Paragone. «Io credo che non esista un destino, tutto dipende da noi, noi possiamo cambiare cose», dice. «Nel mio vocabolario non esiste la parola “arrendersi”. Io pretendo un mondo in cui tutti noi possiamo godese di benessere e felicità, e farò di tutto per realizzarlo», aggiunge la neo candidata, che annuncia: «Ho deciso di accettare questa ultima grande sfida perché penso che sia il metodo più nobile e forse l’unico concreto per provare a cambiare le cose».
(Continua a leggere dopo la foto)

Il vice Questore ha poi chiamato alla carica per la raccolta firme, necessaria per permettere a Italexit di presentare il proprio simbolo nelle schede elettorali. «Riappropriamoci del nostro Paese, riappropriamoci dei nostri diritti, riappropriamoci del nostro potere. Il potere adesso è nelle nostre mani e non è una frase fatta, perché la matita, in quell’urna, l’avremo noi», aggiunge nell’appello. «Noi siamo per il rispetto totale della Costituzione e per il riconoscimento delle responsabilità che ci sono state in questi ultimi due anni. Perché chi è stato corretto e onesto non può essere messo al pari di chi è stato scorretto e disonesto», conclude. Qui sotto il video integrale dell’annuncio.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Vaccinazione a tappeto! L’Europa prepara la campagna d’autunno e ordina un fiume di vaccini. La cifra scandalo

«Mattarella intervenga sulle firme o la piazza esploderà». Paragone al Presidente: «Sia garante della democrazia»