Vai al contenuto

Poca fiducia nell’Europa, ancor meno in Germania e Francia. Il sondaggio che stronca

Pubblicato il 11/05/2020 16:12 - Aggiornato il 11/05/2020 17:29

Che gli italiani non avessero sempre meno fiducia nell’Unione Europea, è un dato rivelato da numerosi sondaggi. Un fenomeno questo che sussisteva già da tempo, ma che si è amplificato dallo scoppio dell’epidemia. Ma non è tutto. Un sondaggio effettuato da Demos che riporta la Repubblica, rivela che gli Italiani hanno ancora meno fiducia negli Stati membri al punto che in alcuni casi riscuotono meno consenso rispetto agli Stati esterni all’Unione Europea.

Scontato dire che “i governi europei del Centro-Nord, Olanda, Paesi scandinavi e Germania, guardano l’Italia con insofferenza. Ci considerano un peso e un costo e non hanno mai perso occasione per ribadire il concetto, sia in maniera sottesa che esplicita. Ma la novità è che questo atteggiamento è oggi ricambiato dagli italiani che mostrano un notevole abbassamento di fiducia verso la Germania e la Francia. In un anno la Germania perde 16 punti scendendo a 26%. Mentre la Francia riscuote la fiducia solo su 22 italiani su 100. Valori pari o al di sotto della fiducia che abbiamo nei confronti degli USA, della Russia e Cina.

Inoltre, Demos, autore del sondaggio per “Repubblica”, riferisce che, mentre diminuisce di qualche punto l’approvazione verso gli USA (31%) da parte degli italiani, aumenta quella verso la Russia (28%) e la Cina (26%). La Cina ha mostrato infatti attenzione e sostegno, ma non dimentichiamoci che quasi senza ombra di dubbio la sua disponibilità era figlia del bisogno di “scolorire l’immagine di untore”. 

L’Italia sta ricalibrando le dinamiche relazionali con gli altri Paesi. Il Coronavirus ha messo in chiaro alcuni aspetti che già da prima erano visibili, ma che adesso sono evidenti in maniera inequivocabile e che hanno un peso che non può più essere tralasciato. L’Italia ha sempre meno fiducia nei confronti delle istituzioni europee per numerose motivazioni. Una tra le tante è che l’Unione è un meccanismo vuoto e manipolato a piacimento della Germania.